Archivio per volontariato

Chiude ufficialmente la sperimentazione sui Gatti in Italia.

Posted in Adozioni, Ambientalisti, Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Diritti animali, Gatti, Gattile, Legge, Protezione animali, Vivisezione with tags , , , , , , , , on 26 marzo 2010 by miacis

 

Con grande gioia vi annunciamo che il centro I-CARE – International Center for Alternatives in Research and Education (www.icare-worldwide.org e www.icare-italia.org), grazie all’aiuto di diverse associazioni e numerosi volontari, con piu’ di 400 sperimentazioni bloccate e 6000 animali riabilitati, è avviato verso nuovi progetti antivivisezionisti sia in Italia – in cui l’associazione animalista di riferimento è la Lega Antivivisezionista Lombarda – LeAL (www.leal.it) – che all’estero, dove l’I-CARE si avvale anche della collaborazione dell’Associazione svizzera ATRA (www.atra.info).

In particolare, gli ultimi progetti dell’I-CARE hanno portato alla sostituzione dell’uso di animali con metodiche alternative nelle sperimentazioni condotte in nazioni africane, asiatiche ed est-europee, contrastando il trasferimento dei laboratori di vivisezione occidentali verso quelle nazioni dove la cultura animalista è totalmente inesistente (il caso della chiusura in Italia e riapertura in Cina degli stabulari della Glaxo è il primo caso italiano noto).
Continua a leggere

Annunci

NOI VOLONTARI.

Posted in Adozioni, aiuto, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Canile, Colonie feline, Diritti animali, Gattile, Protezione animali, soccorso animali with tags , , , , on 29 ottobre 2009 by miacis

A02JAA 

Chi è un volontario animalista?

E’ una persona che all’inizio ha del tempo da dedicare a una causa benefica. All’inizio.

Poi finirà per non avere tempo neanche per se stesso: questo se sarà un bravo volontario.  I volontari operano nei/dai posti più disparati.  Dai bagni degli uffici, in fila alle casse del supermercato, nelle aree di sosta in autostrada, nei camerini dei negozi.  In disparte negli angolini dei posti più impensati li vedi parlare sottovoce ai loro cellulari, scartabellando nelle loro agendine. Sono quelli che chiedono permessi velocissimi in ufficio per poi tornare magari dopo un’oretta o due ,spettinati, sconvolti ma con il sorriso sulle labbra e il sedile della macchina tappezzato di peli.  Vivono in simbiosi con il loro cellulare, che vibra spesso, ma se il capo è vicino non rispondono mai.  La loro mail è costantemente costipata da appelli. Continua a leggere