Archivio per amministratori condominiali

ANIMALI E CONDOMINIO 2

Posted in Anagrafe Canina, Animali d'affezione, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Canile, Civiltà, Colonie feline, Diritti animali, Gatti, Gattile, Legge, Protezione animali, Sanità, valle d'aosta, volontariato valle d'aosta with tags , , , , , , on 6 marzo 2011 by miacis

 

Molte persone che avvertono l’esigenza di vivere con un animale o già vi convivono devono affrontare il problema dei regolamenti condominiali che proibiscono la presenza di animali.

In realtà sono numerose le sentenze che sanciscono a chiare lettere che nessun regolamento o assemblea condominiale può limitare il diritto di proprietà e che quindi non è possibile impedire in alcun modo di tenere animali in condominio.

La sentenza del 24/3/1972 n. 899 della Sezione II della Corte di Cassazione testualmente recita:

“È inesistente il divieto giuridico di tenere cani in condominio. Il regolamento condominiale che contenga una norma contraria è limitativo del diritto di proprietà, quindi giuridicamente nullo. L’assemblea condominale non può deliberarlo”.
Tuttavia, i contenziosi tra condomini pullulano di animali accusati di sporcare gli spazi comuni, di abbaiare, di portare malattie, di infastidire.
Molto spesso si tratta di esagerazioni frutto di acredini tra umani, in cui gli animali hanno pochissima responsabilità e ne fanno tuttavia le spese.
Ma è possibile proibire la presenza degli animali nei condomini?
Sul sito della LAV di Verona, la risposta ai più comuni quesiti:

Solo in rarissimi casi il Giudice e l’Autorità Sanitaria possono imporre l’allontanamento di un animale dal condominio.
Esclusivamente nell’ipotesi in cui all’atto dell’acquisto o della locazione sia menzionata l’esistenza di un regolamento di tipo contrattuale con esplicito divieto di detenere animali (per avere efficacia vincolante il regolamento deve essere menzionato e accettato negli atti di acquisto e locazione) esso sarà infatti vincolante.
Continua a leggere

Annunci

ANIMALI E CONDOMINIO

Posted in aiuto, Animali d'affezione, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Canile, Colonie feline, Diritti animali, Gatti, Legge, Protezione animali, volontariato valle d'aosta with tags , , , , , , , on 5 marzo 2011 by miacis

 

Può il regolamento di condominio vietare la detenzione di animali domestici in appartamento?

 In linea di massima è da ritenersi illegittimo un eventuale divieto generalizzato di tenere animali nel proprio appartamento. Il regolamento condominiale, difatti, non può comunque andare a ledere il diritto di ciascun condomino a godere in modo pieno ed esclusivo dell’appartamento in proprietà ai sensi dell’art. 1138, 4°comma C.c. e, dunque, di vivere con un animale da compagnia nell’ovvio rispetto delle regole di buon vicinato.

 Può il regolamento condominiale predisposto dal costruttore dell’immobile prevedere una clausola contenente il divieto di detenzione di animali?

 Ferma restando la sua illegittimità sostanziale, può accadere che detto tipo di regolamento preveda una clausola di tale tenore nel qual caso il proprietario dell’appartamento non potrà non ritenersi, almeno formalmente, vincolato perché la clausola risulta contrattualmente accettata in sede di rogito. Bisogna però ricordare come l’orientamento giurisprudenziale prevalente nega al regolamento condominiale la possibilità di imporre validamente il divieto di tenere animali ai singoli condomini, a maggior ragione se detti animali non provocano particolari molestie ai vicini di casa o siano detenuti in appartamento da diversi anni.
Continua a leggere

Dedicato a condòmini e amministratori intolleranti (e insensibili)

Posted in Aiuti, Ambiente, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Campagna di informazione, Colonie feline, Diritti animali, Gatti, Legge, Maltrattamento, Protezione animali, volontariato valle d'aosta with tags , , , , , on 30 giugno 2010 by miacis

I  DIRITTI  DEI  GATTI  DELLE  COLONIE  IN  CONDOMINIO

 1. I gatti presenti in colonie riconosciute che vivono negli spazi condominiali sono tutelati dalla legge 281 del 1991 e dalle leggi regionali di attuazione, che garantiscono ai gatti diritto di territorialità e libero transito, diritto all’alimentazione, e diritto di ricovero.

2. I gatti appartenenti alle colonie feline riconosciute ai sensi del punto 1 non possono essere trasferiti né spostati per nessun motivo dal loro territorio, se non a causa di gravi motivi igienico-sanitari.

3. È vietato maltrattare, allontanare, spaventare, ferire o uccidere i gatti anche attraverso l’uso di bocconi avvelenati o veleno in genere. Tali fatti sono considerati reati penalmente perseguibili e punibili con un’ammenda fino a 25.000 € e con la reclusione fino a 2 anni, ai sensi dell’art. 544 del Codice Penale.

Continua a leggere