Archive for the Veterinari Category

Calendario Incontri Referenti Colonie Feline

Posted in Ambiente, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Campagna di informazione, Colonie feline, Diritti animali, Fauna selvatica, Iniziative, Legge, Natura, Ovariectomia, Protezione animali, Sterilizzazione, valle d'aosta, Veterinari on 11 ottobre 2011 by avapa

Annunci

Avviso pubblico per la ricerca di medici veterinari

Posted in Benessere Animale, Campagna di informazione, Colonie feline, Gatti, Gattile, Protezione animali, Sanità, Sterilizzazione, valle d'aosta, Veterinari with tags , , , on 28 settembre 2011 by avapa

Avviso pubblico per la ricerca di medici veterinari

Categoria: Iniziative e progetti Cpel e Celva – Data notizia: mercoledì 28 settembre 2011

Avviso pubblico per la ricerca di medici veterinari

AVVISO PUBBLICO DI CANDIDATURA

DATA DI PUBBLICAZIONE DELL’AVVISO: MERCOLEDI 28 SETTEMBRE 2011

DATA DI FINE PUBBLICAZIONE AVVISO: VENERDI 14 OTTOBRE 2011

Il Consorzio degli enti locali (CELVA) rende noto che, come previsto dalla  convenzione stipulata il 13 giugno 2011 tra A.V.A.P.A. Onlus, CELVA, Ordine dei Veterinari della Valle d’Aosta e Regione autonoma Valle d’Aosta, è indetto l’avviso pubblico per la ricerca di medici veterinari cui affidare l’attuazione delle attività di sterilizzazione, apicectomia auricolare e microchippatura della popolazione di gatti senza proprietario liberi sul territorio della Valle d’Aosta.

I soggetti legittimati a presentare la candidatura sono esclusivamente i medici veterinari iscritti all’Ordine dei Veterinari della Valle d’Aosta, le cui strutture veterinarie abbiano ricevuto l’autorizzazione regionale o comunale per l’attuazione di interventi chirurgici.

Per quanto riguarda la durata del progetto, le attività di cui al presente bando pubblico dovranno essere eseguite entro il 31 dicembre 2011, salvo eventuali proporoghe e comunque fino ad esaurimento della disponibilità finanziaria del progetto.

Modalità di presentazione delle candidature: le candidature dovranno essere indirizzate al CELVA, e devono pervenire a mezzo lettera raccomandata A/R o posta elettronica cetificata (PEC protocollo@pec.celva.it), o essere consegnate a mano entro e non oltre le ore 12:00 del giorno venerdì 14 ottobre 2011.

La domanda di candidatura dovrà essere redatta come da fac simile allegato al presente avviso, corredata da copia fotostatica del documento d’identità del candidato, documentazione attestante l’iscrizione all’Ordine dei Medici Veterinari della Valle d’Aosta, nonché documentazione comprovante l’ubicazione della struttura veterinaria e l’avvenuto rilascio dell’autorizzazione regionale o comunale per l’effettuazione di interventi chirurgici.

Non verranno prese in considerazione candidature pervenute oltre l’orario e il giorno indicato.

Al momento dell’accettazione della candidatura, previa verifica della sussistenza dei requisiti richiesti, il CELVA contatterà il medico veterinario per la sottoscrizione del disciplinare d’incarico.

Per chiarimenti ed informazioni, i candidati possono rivolgersi al CELVA (tel. 0165 43347 – email info@celva.it).

http://www.celva.it/primopianoc.asp?id=17&l=1&n=437

COLONIE FELINE E CONDOMINIO

Posted in Abbandono, Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Campagna di informazione, Colonie feline, Diritti animali, Gatti, Gattile, Iniziative, Legge, Maltrattamento, Protezione animali, Randagismo, Sterilizzazione, valle d'aosta, Veterinari, volontariato valle d'aosta with tags , , , , , , , , , on 19 maggio 2011 by miacis

 La  Storia

 Il primo round davanti al tribunale civile di Milano lo hanno vinto i gatti per k.o. tecnico.

Il processo davanti alla XIII Sezione civile del tribunale di  Milano vedeva, loro malgrado, i gatti della colonia felina del supercondominio di via Mar Nero imputati, poiché accusati da una coppia di condomini di cacciare abusivamente i topi nelle cantine del palazzo. Ma, cosa ancor più grave, i gatti erano accusati di aver sistemato le loro confortevoli cucce, nelle quali passare le stagioni fredde, nello spazio condominiale comune; questo proprio non è andato giù alla coppia di condomini che, non potendo portare direttamente i gatti in tribunale, ha visto bene di portarci i “gattari” che si occupano della piccola colonia. Chiedendo, oltre alla rimozione delle casette e  l’allontanamento dei mici, anche un risarcimento morale agli altri 500 condomini del supercondominio di via Mar Nero e via Nicolajewka.

Dopo 3 anni di discussione è arrivata la sentenza di primo grado emessa dalla dottoressa Sabina Bocconcello della XIII Sezione civile del tribunale di Milano, con la quale i gatti hanno vinto alla grande il primo round. Nelle undici pagine della sentenza (la numero 12370/09) si riconosce ai gatti il diritto di vivere nel palazzo (e quindi la caccia ai topi in cantina non è atto abusivo). Ma la sentenza, con un passaggio storico, riconosce anche il diritto della famiglia di gattari a lasciare le casette al loro posto, dove i micetti potranno continuare a vivere comodamente. La sentenza richiama la legge 281/91, riconoscendo che i gatti sono “animali sociali che si muovono liberamente su un determinato territorio radunandosi in gruppi denominati colonie feline, pur vivendo in libertà sono stanziali e frequentano abitualmente lo stesso luogo pubblico o privato, creandosi così un loro habitat ovvero quel territorio, o porzione di esso, pubblico o privato, urbano e no, edificato e non, nel quale vivono stabilmente. Nessuna norma di legge né nazionale, né regionale proibisce di alimentare i gatti randagi nel loro habitat. Secondo detta normativa, i gatti che stazionano e/o vengono alimentati nelle zone condominiali non possono essere allontanati o catturati per nessun motivo”.
Continua a leggere

Tornano le zanzare, attenzione alla filariosi.

Posted in Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Canile, Cuccioli, Gatti, Gattile, Malattie cani e gatti, Protezione animali, Vacanze, Veterinari with tags , , , , , on 14 aprile 2011 by miacis

Con l’arrivo della bella stagione tornano le famigerate zanzare, nemiche sia dell’uomo che dei suoi amici a quattro zampe. E così tra i proprietari di cani e gatti inizia a serpeggiare la paura della filariosi, malattia letale che può essere prevenuta con la profilassi mensile: un’ottima tavoletta masticabile a base di carne da somministrare, su indicazione del Veterinario, come gesto ‘premiante’, un gesto semplice che può salvare la vita!
Filariosi nel cane: cosa è cambiato?
Sono due le filariosi pericolose per il cane, trasmesse dalle zanzare con il pasto di sangue: la Filariosi Cardiopolmonare e la Filariosi Sottocutanea.
Aumentano i vettori con l’arrivo della zanzara tigre (Aedes alpopictus) che aggiunge la sua attività a quella della zanzara autoctona (Culex pipiens) con un rischio di trasmissione delle Filariosi ormai presente 24 ore su 24.
In seguito all’innalzamento delle temperature, si accorciano i tempi di trasmissione della malattia, con conseguente aumento del numero dei cicli di trasmissione.
Si espande l’area della malattia: dalla tradizionale localizzazione in Pianura padana, comprese le fasce collinari e pedemontane ed in Toscana – la Filariosi cardiopolmonare si è estesa a Nord al Canton Ticino, ed a Sud raggiungendo il Lazio, Abruzzo e Sardegna; la Filariosi sottocutanea è presente nelle stesse aree, al Centro Sud e nelle isole. (presente ormai da molti anni anche in Valle d’Aosta).
Filariosi felina: una malattia diversa da quella del cane
La Filariosi Cardiopolmonare, causata dallo stesso parassita del cane e trasmessa dai medesimi vettori della malattia (le zanzare) colpisce anche i gatti. In questi animali la malattia si manifesta con modalità differenti, e per molti aspetti anche più gravi, rispetto a quelle del cane. Per la peculiarità con cui si manifesta e per la difficoltà diagnostica, è sempre stato difficile tracciare un quadro preciso della patologia, facendone sottostimare la reale diffusione.
Continua a leggere

Nuova LEGGE REGIONALE per la tutela ed il corretto trattamento degli animali d’affezione!!!

Posted in Abbandono, Anagrafe Canina, Animali, Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Canile, Civiltà, Colonie feline, Diritti animali, Gatti, Gattile, Iniziative, Legge, Protezione animali, Sanità, soccorso animali, valle d'aosta, Veterinari, volontariato valle d'aosta, zoologia etologia on 17 dicembre 2010 by avapa

Legge regionale 22 novembre 2010, n. 37.
Nuove disposizioni per la tutela e per il corretto trattamento
degli animali di affezione. Abrogazione della legge
regionale 28 aprile 1994, n. 14.

potete consultarla al seguente link

http://www.regione.vda.it/amministrazione/leggi/bollettino_ufficiale_new/archive/2010/51-2010-1.pdf#Page=1

ZECCHE: prevenire è meglio che curare

Posted in Ambiente, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Iniziative, Malattie infettive, Protezione animali, Randagismo, Sanità, Veterinari, volontariato valle d'aosta, zoologia etologia on 21 maggio 2010 by avapa

Nelle stagioni primaverile-estive la presenza di zecche è notevole, l’osservatorio Canile Regionale Valle d’Aosta ha rilevato una presenza maggiore rispetto agli altri anni nelle nostre campagne, è peraltro in costante crescita il riscontro del parassita nei centri abitati, in considerazione del fatto che la popolazione canina è sempre in aumento. Consigliamo di non sottovalutare il trattamento dei vostri animali domestici. Il modo più semplice per ridurre la possibilità di infestazioni da zecche è utilizzare regolarmente farmaci concepiti per prevenire zecche e pulci. Continua a leggere

RABBIA: cosa si deve sapere

Posted in Ambiente, Animali, Benessere Animale, Campagna di informazione, Comportamento, Curiosità, Diritti animali, Emergenza, Fauna selvatica, Malattie infettive, Natura, Protezione animali, Randagismo, Veterinari, volontariato valle d'aosta, zoologia etologia on 21 maggio 2010 by avapa

Da ottobre del 2008 la rabbia silvestre è ricomparsa nel nord-est del territorio nazionale a seguito dell’evolversi di un’epidemia che interessa la vicina Slovenia.
Inizialmente interessato il Friuli Venezia Giulia, province di Udine, Pordenone e Trieste, dall’ottobre del 2009 sono stati segnalati casi in Veneto, provincia di Belluno. Attualmente in Slovenia i casi sono localizzati lungo il confine sud-orientale Continua a leggere