Archive for the Vacanze Category

Tornano le zanzare, attenzione alla filariosi.

Posted in Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Canile, Cuccioli, Gatti, Gattile, Malattie cani e gatti, Protezione animali, Vacanze, Veterinari with tags , , , , , on 14 aprile 2011 by miacis

Con l’arrivo della bella stagione tornano le famigerate zanzare, nemiche sia dell’uomo che dei suoi amici a quattro zampe. E così tra i proprietari di cani e gatti inizia a serpeggiare la paura della filariosi, malattia letale che può essere prevenuta con la profilassi mensile: un’ottima tavoletta masticabile a base di carne da somministrare, su indicazione del Veterinario, come gesto ‘premiante’, un gesto semplice che può salvare la vita!
Filariosi nel cane: cosa è cambiato?
Sono due le filariosi pericolose per il cane, trasmesse dalle zanzare con il pasto di sangue: la Filariosi Cardiopolmonare e la Filariosi Sottocutanea.
Aumentano i vettori con l’arrivo della zanzara tigre (Aedes alpopictus) che aggiunge la sua attività a quella della zanzara autoctona (Culex pipiens) con un rischio di trasmissione delle Filariosi ormai presente 24 ore su 24.
In seguito all’innalzamento delle temperature, si accorciano i tempi di trasmissione della malattia, con conseguente aumento del numero dei cicli di trasmissione.
Si espande l’area della malattia: dalla tradizionale localizzazione in Pianura padana, comprese le fasce collinari e pedemontane ed in Toscana – la Filariosi cardiopolmonare si è estesa a Nord al Canton Ticino, ed a Sud raggiungendo il Lazio, Abruzzo e Sardegna; la Filariosi sottocutanea è presente nelle stesse aree, al Centro Sud e nelle isole. (presente ormai da molti anni anche in Valle d’Aosta).
Filariosi felina: una malattia diversa da quella del cane
La Filariosi Cardiopolmonare, causata dallo stesso parassita del cane e trasmessa dai medesimi vettori della malattia (le zanzare) colpisce anche i gatti. In questi animali la malattia si manifesta con modalità differenti, e per molti aspetti anche più gravi, rispetto a quelle del cane. Per la peculiarità con cui si manifesta e per la difficoltà diagnostica, è sempre stato difficile tracciare un quadro preciso della patologia, facendone sottostimare la reale diffusione.
Continua a leggere

Annunci

A Natale regala un peluche…

Posted in Abbandono, Animali d'affezione, Benessere Animale, Civiltà, Diritti animali, Gatti, Randagismo, Regali, Vacanze on 14 dicembre 2009 by avapa

CAMPAGNA CONTRO L’ ABBANDONO

Tempi duri per gli Animali!

Posted in Ambiente, Animali d'affezione, Cani, Canile, Civiltà, Diritti animali, Divieti, Iniziative, Petizioni, Protezione animali, Randagismo, Rifugio, Vacanze with tags , , on 10 giugno 2009 by avapa

In una società in cui i governi, di qualsiasi parte essi siano, sbandierano a parole (soprattutto in vista delle elezioni) il loro impegno per combattere maltrattamenti degli animali ed abbandoni, nei fatti si muovono in tutt’altro senso, rendendo difficile la vita a quei cittadini che per questa battaglia si adoperano tutto l’anno in prima persona. Parliamo di coloro che adottano un animale randagio dai canili e dai rifugi (e non già di chi compra animali di razza da negozi e allevamenti spesso favorendone il traffico illecito ed inimmaginabili sofferenze). Chi adotta un randagio lotta veramente contro il randagismo ed i maltrattamenti e se lo adotta da un rifugio consente ad altri animali di trovarvi cure ed affetto. Ma le Amministrazioni pubbliche, invece di incentivare l’adozione di animali dai rifugi, emettono tutta una serie di vincoli e divieti che rendono problematico anche il solo uscire per una passeggiata con il proprio cane. Ed è quindi ovvio che molti, alla fine, desistano e lascino i cani nei canili. Una delle più recenti trovate della nostra Regione è quella di aver posto limiti sempre più restrittivi all’ingresso di cani nelle spiagge, anche negli stabilimenti in possesso di autorizzazione ed appositamente attrezzati.

Dog watching sunset

In queste spiagge della nostra Riviera tutto è organizzato in modo che la presenza dei cani non arrechi fastidio alle persone: è ovviamente prevista e obbligatoria la raccolta delle deiezioni, i cani devono essere trattenuti da apposito guinzaglio e l’accesso è consentito soltanto a cani vaccinati e sanitariamente controllati. Esemplare, a questo proposito, la costituzione di un’associazione di operatori turistici della riviera adriatica “Emilia Romagna, cani d’amare”, il cui scopo è appunto quello di offrire un ulteriore servizio a chi vuole andare in vacanza col proprio cane. Per esperienza personale possiamo affermare che i cani in spiaggia danno meno fastidio del continuo vociare dei bambini, di calciatori o tennisti improvvisati, delle radio e degli schiamazzi a tutto volume. Non esistono problemi di sicurezza perchè i cani sono legati all’ombrellone o al guinzaglio del proprietario e non si capisce quali problemi igienici possano creare oltre a quelli già procurati dalle migliaia di persone che ogni giorno si riversano in spiaggia, senza cani, e che lasciano sulle spiagge rifiuti di ogni genere per tacere di quelli, anche organici, che riversano in mare. Di questo gli amministratori sembrano non occuparsi affatto preferendo colpire dove è più facile farlo e dimenticando che in tal modo danno il colpo di grazia a tutti quei gestori che, con passione ed impegno, hanno investito in questi anni tante risorse per consentire l’accesso alla nostra Riviera anche a chi possiede un animale da compagnia, offrendo in questo modo un concreto contributo alla lotta contro gli abbandoni estivi. A chi volesse sostenere il divieto di accesso ai cani nelle aree verdi delle città e nelle nostre spiagge adducendo il motivo che alcuni proprietari di animali non si comportano in maniera educata (come d’altra parte moltissimi non-proprietari di animali) facciamo presente che sarebbe come vietare a tutti i conduttori di auto di guidare perchè alcuni imbecilli superano i limiti di velocità o parcheggiano in doppia fila. Come sempre le violazioni ed i cattivi comportamenti vanno perseguiti ma non bisogna penalizzare un’intera categoria a causa della stupidità di pochi. Invitiamo tutti gli amanti degli animali a sostenere la neonata associazione ed a firmare la petizione on-line sul sito http://www.dogwelcome.it oppure firmate ai nostri banchetti.

Lega Nazionale per La Difesa del Cane – sez. di Forlì — Piera Rosati dir. Ufficio Comunicazione e Sviluppo LNDC comunicazione.sviluppolndc@gmail.com

Lega Nazionale per la Difesa del Cane Via Catalani 73, 20131 Milano cell. 335 7107106 Tel. 02 36565297 Fax 02 26116502 http://www.legadelcane.org

Ecco la differenza tra paesi più o meno civili.

Posted in Abbandono, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Cuccioli, Diritti animali, Divieti, Gatti, Legge, Maltrattamento, Protezione animali, Vacanze with tags , , , , , on 28 aprile 2008 by miacis

 

 

 

 

Pochi giorni fa, mi trovavo in fila alla cassa di un supermercato. Mi accorgo che si è formato un capannello di persone attorno a un passeggino tenuto stretto da un’anziana signora. Mi avvicino al gruppetto, un po’ per vedere se occorre aiuto e un po’ per curiosità. La “nonna” sta apparentemente bene e dimostra una buona situazione neuronale perché discute, mediante un invidiabile eloquio, con una cassiera che fatica ad arginare un torrente di parole, espresso in modo civile quanto autoritario.

A questo punto non mi resta che dare un’occhiata all’oggetto del contendere. Tra panni e copertine, spunta un piccolo musetto con due orecchie pelose che sgrana gli occhi senza profferire verbo. D’altronde difficilmente avrebbe potuto prendere parte alla discussione, e non tanto per l’età, quanto perché più che abbaiare non gli sarebbe uscita parola alcuna dalla gola. Si trattava infatti di un minuscolo Yorkshire, straniero senza permesso di soggiorno in quel luogo dove, sulla porta d’entrata, abbondano i cartelli con una barra rossa sulla silhouette di un cane: “Io non posso entrare”.

Continua a leggere

Tempo di vacanze, Fido a chi lo lascio?

Posted in Abbandono, Animali, Cani, Gatti, Vacanze on 25 febbraio 2008 by avapa


nelsonimage.gifLe vacanze di Pasqua si stanno avvicinando, e in molti stanno già pensando di andare via qualche giorno. E Fido a chi lo lascio? La soluzione migliore sarebbe quella di partire con il nostro amico a quattro zampe, ma non è sempre possibile. E allora, se non si conosce qualcuno di fiducia a cui lasciare il nostro cane o il nostro gatto, si può ricorrere a una pensione, ovviamente qualificata, o a un dog sitter. Certo, non è sempre facile scegliere quella giusta, ma non è impossibile. E’ consigliabile una visita in anticipo: in questo modo sarà più facile valutare le condizioni igieniche, la serietà e la professionalità di chi gestisce la pensione.
Continua a leggere