Archive for the Divieti Category

Ddl Intercettazioni telefoniche: legge ammazza-blog

Posted in Campagna di informazione, Civiltà, Diritti Umani, Divieti, Iniziative, Legge, Petizioni, Protezione animali on 5 ottobre 2011 by avapa

Il Disegno di legge – Norme in materia di intercettazioni telefoniche etc., p. 24, alla lettera a) del comma 29 recita:

«Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono.»

Wikipedia protesta attivamente oscurando il servizio con un comunicato che chiarisce le idee su questo inutile e antidemocratico disegno di legge. Libertà e Diritto all’informazione, cultura, spettacolo vengono difesi da centinaia di blogger scesi in piazza per dire no al Bavaglio incostituzionale che contrasta l’articolo 21 sulla libertà di informazione.
Nonostante le proteste il governo cosa fa? accelera i tempi sul provvedimento!
Un Paese che affonda sotto le decisioni di pochi, pochi rappresentanti di un popolo sofferente, impotente, difronte a questa falsa democrazia. BASTA, riprendiamoci l’Italia, facciamo sentire la nostra voce ogni giorno, uniti per riconquistare la nostra LIBERTA’!!!

TREVISO: tre cacciatori picchiano selvaggiamente un anziano agricoltore che voleva difendere la propria coltivazione di radicchio e gli spezzano una gamba.

Posted in Ambientalisti, Ambiente, Campagna di informazione, Diritti Umani, Divieti, Divieto di caccia, no caccia, Solidarietà on 26 novembre 2010 by avapa

Zanoni (LAC): “Questi sono i risultati di anni di concessioni e regalie ai cacciatori da parte di una classe politica irresponsabile.”

Domenica scorsa 21 novembre tre cacciatori, dopo aver abbattuto un fagiano in mezzo ad un campo di radicchio rosso di Treviso, se la sono presa con un anziano agricoltore prendendolo a sputi, spintoni, sassate, pugni, calci, rompendogli una gamba,  solo perchè li aveva invitati ad uscire dalla coltura specializzata per evitare danni.

Erano le 8 di mattina quando Mario Zabotti, settantaduenne residente a Breda di Piave (TV), dopo una sparatoria avvenuta vicino a casa, in via Vicinale Marche a Pero, frazione di  Breda di Piave, ha invitato i tre cacciatori ad abbandonare il campo coltivato a radicchio rosso di Treviso, una coltura facilmente danneggiabile oltre che dai cacciatori anche dai loro cani da caccia, ottenendo come risposta il violento pestaggio.

Il povero anziano dopo il pestaggio ha chiesto aiuto ai famigliari ed è stato portato al pronto soccorso dove gli è stata riscontrata una brutta frattura ad una gamba, oltre a gravi contusioni ed ecchimosi sparse su tutto il corpo, ottenendo un certificato medico con una prognosi di ben 40 giorni.

I cacciatori, oltre ad aver commesso dei reati previsti dal codice penale relativi al pestaggio, hanno commesso un’infrazione alla legge sulla caccia che sanziona chi  esercita la caccia in colture specializzate.

“Esprimo tutta la mia solidarietà a questo anziano agricoltore rimanendo a disposizione per qualsiasi aiuto legale tramite i nostri avvocati” – ha commentato Andrea Zanoni presidente della Lega Abolizione Caccia del Veneto, che ha aggiunto: “Questi tre vigliacchi ed incivili che se la prendono con un anziano inerme rompendogli una gamba dovrebbero essere oggetto di arresto immediato e sequestro delle armi.

Se i cacciatori veneti oggi fanno gli arroganti e si ritengono padroni in casa di altri è a causa dei politici locali che negli anni li hanno assecondati con leggi e leggine a loro favore fatte anche in contrasto delle Direttive comunitarie come per la caccia in deroga.

Mi viene poi in mente l’intervento di Zaia da ministro per liberare un cacciatore arrestato in Croazia per bracconaggio e gli esami di caccia fasulli di Muraro e Gobbo: gravi e cattivi esempi di spregio alle leggi per tutti i cacciatori.

Il presidente della provincia Leonardo Muraro, che tollera l’attuale Far West delle doppiette nostrane, recentemente è intervenuto in stile nazista proponendo la fucilazione sul posto di tre poveracci sorpresi a rovistare nei rifiuti degli alluvionati; oggi invece, di fronte ad un pestaggio di inaudita violenza, non dice nulla; evidentemente perché non si tratta di tre bosniaci ma di tre figuri di razza padana.

All’assessore provinciale alla caccia Mirco Lorenzon che solo ora parla di tolleranza zero chiedo di scrivere subito una lettera alla questura per il ritiro della licenza di caccia ai tre cacciatori, vedilo se lo farà o se ha la coda di paglia.

LAC Lega Abolizione Caccia – Sezione del Veneto – via Cadore, 15/C int.1 – 31100 Treviso Info: 347 9385856 email: lacveneto@ecorete.it – web: www.lacveneto.it

Catalogna abolisce corrida con i tori

Posted in Animali, Animalisti, Benessere Animale, Corrida, Diritti animali, Divieti, Iniziative, Legge, Protezione animali on 28 luglio 2010 by avapa

BARCELLONA  – Con 68 voti a favore, 55 contrari e 9 astensioni, il Parlamento catalano ha approvato oggi il divieto delle corride in Catalogna, previsto dalla legge di iniziativa popolare promossa dalla piattaforma Prou! (Basta!). Il divieto entrera’ in vigore a partire dal 1 gennaio 2012. La votazione e’ stata celebrata come una ”vittoria storica” dalle associazioni animaliste presenti al dibattito parlamentare e in attesa fuori dall’aula consiliare. La Catalogna e’ la seconda regione spagnola, dopo le Canarie, ad aver messo al bando le corride.

L’abolizione della corrida decisa stamani dal parlamento della Catalogna ha scatenato la gioia degli animalisti presenti fra il pubblico dell’assemblea e ha gettato nella disperazione i numerosi “taurinos” (fan della corrida). Fuori dal parlamento, la polizia ha rafforzato il cordone che divide due gruppi di manifestanti, uno di favorevoli al provvedimento, l’altro di contrari, radunati già dalle prime ore della mattina. Con questa decisione la Catalogna diventa la seconda regione della Spagna a abolire gli spettacoli taurini, dopo l’analoga decisione presa dalle Isole Canarie nel 1991, anche se nell’arcipelago non si celebravano ormai corride da anni.
Continua a leggere

Cina: Stop al consumo di carne di Cane e di Gatto?

Posted in Animali d'affezione, Animalisti, Cani, Diritti Umani, Divieti, Gatti, Legge, Protezione animali with tags , , , on 16 marzo 2010 by miacis

 SEMPLICEMENTE MERAVIGLIOSO… SE QUESTO DISEGNO DI LEGGE PASSA SARA’ DAVVERO UNA RIVOLUZIONE NELLE USANZE ALIMENTARI DEI CINESI.

Un membro dell’Accademia delle scienze sociali presenta una legge che vieterà il consumo alimentare di carne di cani e gatti. Che nel sud rimangono però una delicatezza, tanto che persino Kim Jong-il se ne è servito. Ogni anno, mangiati circa 10 milioni di questi animali.

 Pechino. (AsiaNews/Agenzie).  Per la prima volta nella storia cinese, una nuova bozza di legge presentata all’attenzione del governo chiede il bando della vendita di cani e gatti per fini alimentari. Secondo il testo, questo commercio potrebbe essere punito con una multa fino a 5mila yuan (500 euro) e un massimo di 15 giorni di prigione.

 L’autore è il dottor Chang Jiwen, ricercatore presso la governativa Accademia per le scienze sociali, che da 11 anni lavora per promuovere i diritti degli animali. Questa ultima fatica, composta da 181 clausole, è stata preparata lo scorso settembre. Nei giorni scorsi, l’accademico ha deciso di presentarne però una più corta, contro le torture agli animali, per ottenere il sostegno pubblico.
Continua a leggere

Caccia, le specie a rischio con la nuova legge

Posted in Ambientalisti, Ambiente, Animali, Animalisti, Civiltà, Diritti animali, Divieti, Divieto di caccia, Emergenza, Estinzione, Fauna selvatica, Legge, no caccia, No limits, Prestigiacomo, Protezione animali, Senato on 5 febbraio 2010 by avapa

La Lipu avverte: 34 specie a rischio con la nuova norma. Delicata la situazione per la beccaccia, l’allodola e alcune anatre. Non si placano le polemiche sulla legge che non mette limiti alla caccia

Sono ben trentaquattro le specie di uccelli già a rischio che entrano di nuovo nel mirino dei fucili dopo l’approvazione del Senato della nuova legge che regola l’attività venatoria. Tra queste ben diciotto, Continua a leggere

CACCIA, IRA DELLE ASSOCIAZIONI PER L’APPROVAZIONE DI CACCIA NO LIMITS

Posted in Ambiente, Animali, Benessere Animale, Diritti animali, Divieti, Divieto di caccia, Emergenza, Estinzione, Iniziative, Legge, no caccia, Petizioni, Protezione animali, Solidarietà, valle d'aosta on 2 febbraio 2010 by avapa

“Ciò che è accaduto oggi in aula del Senato ha del vergognoso nei confronti dell’Europa, che è stata bellamente raggirata, ma soprattutto della natura e dei cittadini italiani, a cui qualcuno dovrà spiegare che la caccia e i fucili vengono prima di tutto”.
E’ la dichiarazione a caldo delle associazioni all’approvazione dell’articolo 38 della legge Comunitaria che, tra le altre cose, cancella i limiti della stagione venatoria attualmente contenuti tra il 1° settembre e il 31 gennaio.
E’ stato ignorato il parere negativo del Ministero dell’Ambiente, che specificava come l’articolo peggiorava anziché risolvere la situazione di infrazione in cui l’Italia si trova sul tema caccia. E’ stato ignorato il parere negativo dell’ISPRA, l’autorità scientifica nazionale che si occupa della materia. Sono stati ignorati e anzi dimenticati i pareri negativi dati dalle Commissioni competenti della Camera e dello stesso Governo, a partire dal ministro Ronchi, che aveva già bocciato un identico emendamento nel recente passato. E tutto questo per assecondare una minoranza di cacciatori non ancora contenti di poter cacciare 5 mesi all’anno, per giunta facendo ingresso nei terreni privati.
Il risultato è che con questo emendamento, qualora dovesse essere confermato dalla Camera, la stagione venatoria si allungherebbe ai mesi delicatissimi di febbraio e agosto, con un danno grave alla natura e l’aggravarsi del disturbo e dei rischi arrecati alle le persone.
Per non parlare degli altri aspetti, solo apparentemente marginali, comportati da questa pessima norma: il carattere giuridico dato alla guida europea sulla caccia (con il rischio-certezza di un vero e proprio corto circuito tra norma e interpretazione e il caos giuridico che ne conseguirà) o l’assenza di qualsivoglia intervento sul grave problema delle deroghe di caccia specie protette. Continua a leggere

Sentenza a favore dei gatti in un condominio milanese

Posted in Abbandono, Animali d'affezione, Benessere Animale, Colonie feline, Diritti animali, Divieti, Gatti, Legge, Protezione animali with tags , , on 28 gennaio 2010 by miacis
MILANO

Dopo tre anni di discussione è arrivata la sentenza di primo grado che riconosce ai gatti di un condominio di via Mar Nero a Milano il diritto di vivere nell’edificio e alla famiglia di gattari che se ne occupa a lasciare le casette che avevano predisposto nelle zone comuni del palazzo: lo comunica l’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa) che definisce la sentenza del Tribunale di Milano «senza precedenti» e «storica».

La decisione del giudice civile richiama «per la prima volta», spiegano dall’Aidaa, le normative della legge 281, riconoscendo che i gatti sono «animali sociali che si muovono liberamente» e precisando che «nessuna norma di legge ne nazionale ne regionale proibisce di alimentare gatti randagi nel loro habitat» e che quindi «i gatti che stazionano e/o vengono alimentati nelle zone condominiali non possono essere allontanati o catturati per nessun motivo».

Era stata una coppia di condomini contrari alla presenza della colonia felina nel palazzo ad avviare la causa civile, chiedendo la rimozione delle casette, l’allontanamento degli animali e un risarcimento morale agli altri condomini.

Ora sapete che potete lottare per i vostri gatti avendo la legge dalla vostra parte, non esitate a contrastare le persone intolleranti, insensibili e becere come questa coppia di condomini milanesi

La Stampa.it                                      miacis