Archive for the Cani Category

LEGGE SULLA VIVISEZIONE.

Posted in Allevamenti, Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Civiltà, Diritti animali, Emergenza, Gatti, Iniziative, Legge, Protezione animali, Randagismo, Sfruttamento, soccorso animali, Vivisezione with tags , , , , on 20 gennaio 2012 by miacis

 

SE PASSA LA LEGGE SULLA VIVISEZIONE L’AIDAA RICORRERA’  CONTRO DI ESSA  ALLA CONSULTA.
 
 
Roma (19 gennaio 2012)
Ma quale lotta alla vivisezione?? Ma quale emendamento Brambilla?? Oggi la commissione referente della camera dei deputati ha votato il recepimento della direttiva europea sulla vivisezione e non contro la vivisezione. Il governo Berlusconi (in cui sedeva l’allora ministro on. Brambilla) ha inserito un emendamento unico (chiamato articolo 3bis) che non limita ne proibisce la vivisezione anzi la riconferma nei campi più tragici come quello per gli esperimenti bellici. Il quell’emendamento si legge che è vietato l’allevamento degli animali destinati alla sperimentazione (tranne quella bellica e per l’alta specializzazione medica) al comma c, ma tale comma (detto emendamento Brambilla) è parte integrante dell’articolo che permette la vivisezione e la sperimentazione animale per scopi scientifici.
Inoltre in Italia non è possibile rapire i cani e i gatti randagi da destinare alla vivisezione.

Continua a leggere

Più vicina la chiusura di Green Hill?

Posted in Allevamenti, Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Cani, Civiltà, Diritti animali, Emergenza, Iniziative, Legge, Protezione animali, Sfruttamento, Vivisezione with tags , , on 20 gennaio 2012 by miacis

L’emendamento Brambilla va avanti: più vicina la chiusura di Green Hill

 

GEAPRESS – Approvato anche in Commissione Politiche Comunitarie. Dopo la Commissione Affari Sociali (vedi articolo GeaPress) , l’emendamento voluto dall’On.le Brambilla alla legge comunitaria (scarica emendamento), ha superato oggi l’esame della Commissione Politiche Comunitarie della Camera dei Deputati. Per la prossima settimana è previsto l’arrivo nell’aula di Montecitorio.

Continua a leggere

Saint Marcel, (Aosta) l’allevatore del piano interrato.

Posted in Addestramento, Allevamenti, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Diritti animali, Maltrattamento, Protezione animali, Sfruttamento, valle d'aosta with tags , , , on 6 settembre 2011 by miacis

NAS sequestrano cani e mangimi.

Si era da poco trasferito dalla Lombardia, solo che la sua attività di allevamento non risultava essere tale. Questo secondo i Carabinieri del NAS di Aosta, che oggi hanno sequestrato 36 cani, tra cui Labrador, American Staffordshire, Pit bull terrier  ed altre razze, tutti detenuti in gabbie metalliche all’interno di un piano interrato, nel Comune di Saint-Marcel. Nella struttura vi erano almeno otto fattrici, mentre, come precisato dai militari del NAS, per non essere allevamento, ne occorrerebbero non più di cinque.
Continua a leggere

L’ABBANDONO DI UN CANE by FERRAFILM

Posted in Abbandono, Animali d'affezione, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Diritti animali, Iniziative, Maltrattamento, Protezione animali, Randagismo, Umor, Video with tags , on 30 luglio 2011 by miacis

GRANDI, GRANDI, GRANDI… SEMPLICEMENTE GENIALE

LA STORIA DI DREAM NELLE TOCCANTI PAROLE DI CHI HA RESO POSSIBILE UN SOGNO VERSO LA SALVEZZA

Posted in Abbandono, Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Cani, Canile, Protezione animali, Solidarietà with tags , on 7 luglio 2011 by miacis

 INTERVISTA ALLA VOLONTARIA ALESSANDRA COTTI.

Alessandra, la storia di Dream ci ha commosso e ci ha tenuto con il fiato sospeso… Ci racconti e ci aggiorni sulle sue condizioni ?

Sono davvero  tantissimi i lettori che ci  chiedono notizie…!

Come sai il viaggio di ritorno è stato davvero particolare. Lui ha viaggiato con me  nonostante pesasse solo 19 chili,  quando in questi casi normalmente i cani devono viaggiare in stiva ma  proprio per le sue terribili condizioni ha avuto un trattamento particolare.

Sai  era praticamente disidratato con infezioni  su tutto il corpo una  setticemia che lo divorava con dei valori altissimi e non avrebbe comunque  sopportato la pressurizzazione. Il comandante Salvati del volo Alitalia è stato una persona gentilissima,  meravigliosa come tutto il suo equipaggio. Gli hanno riservato le ultime tre file  dell’aeromobile, era il 17 marzo ovvero la festa dell’unità d’Italia e il volo era semivuoto.

Quando siamo arrivati su quell’aereo  il comandante con il consueto benvenuto a bordo ha annunciato ai passeggeri che l’aereo aveva un passeggero speciale  e tutto l’equipaggio si è dato da fare come meglio ha potuto offrendogli acqua e carezze. E’ stato davvero bellissimo e commovente.

Siamo atterrati alle19.30 aBologna e alle 20 eravamo già nella Clinica Veterinaria di Ozzano dell’Emilia (Bo).
Continua a leggere

Noi lo sapevamo: Cani e gatti diminuiscono il rischio di contrarre allergie nei bimbi.

Posted in Animali d'affezione, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Civiltà, Diritti animali, Gatti, Malattie infettive, Patologie, Protezione animali, Sanità with tags , , , , on 16 giugno 2011 by miacis

 

 Ora è il Department of Public Health Sciences dell’Henry Hospital di Detroit (USA) a dirlo: le allergie, che infastidiscono i bimbi nei primi anni di vita, possono essere eliminate o ridotte stando a contatto con cani e gatti.

Il periodo fondamentale è il primo anno di vita. L’esposizione al pelo dell’animale, durante il primo anno di vita, riduce della metà il rischio di allergie future.

Le reazioni allergiche diminuiscono, progressivamente, dopo un certo periodo di convivenza: lo evidenziano le centinaia di test effettuati.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Clinical & Experimental Allergy”, dimostra che la presenza di un animale domestico non aumenta il rischio di contrarre allergie, anzi può proteggere i bimbi dal disturbo e funziona da scudo per eventuali allergie future.

I ricercatori, guidati da Ganesa Wegienka, hanno seguito un gruppo di 565  bambini fin dalla nascita, attraverso analisi  e prelievi del sangue  periodici i medici sono arrivati alla conclusione che i bimbi cresciuti con un cane o con un gatto corrono un rischio inferiore di diventare allergici.

Pensando alle migliaia di cani e gatti allontanati dalle case al primo starnuto del bimbo, possiamo dire che questo studio li riscatta almeno dall’essere identificati come ‘untori’; certamente non li ripaga del danno subito: danno esistenziale, oltre che materiale.

di  Elisa D’Alessio – GEAPRESS                    miacis

 

Tornano le zanzare, attenzione alla filariosi.

Posted in Animali d'affezione, Animalisti, Benessere Animale, Campagna di informazione, Cani, Canile, Cuccioli, Gatti, Gattile, Malattie cani e gatti, Protezione animali, Vacanze, Veterinari with tags , , , , , on 14 aprile 2011 by miacis

Con l’arrivo della bella stagione tornano le famigerate zanzare, nemiche sia dell’uomo che dei suoi amici a quattro zampe. E così tra i proprietari di cani e gatti inizia a serpeggiare la paura della filariosi, malattia letale che può essere prevenuta con la profilassi mensile: un’ottima tavoletta masticabile a base di carne da somministrare, su indicazione del Veterinario, come gesto ‘premiante’, un gesto semplice che può salvare la vita!
Filariosi nel cane: cosa è cambiato?
Sono due le filariosi pericolose per il cane, trasmesse dalle zanzare con il pasto di sangue: la Filariosi Cardiopolmonare e la Filariosi Sottocutanea.
Aumentano i vettori con l’arrivo della zanzara tigre (Aedes alpopictus) che aggiunge la sua attività a quella della zanzara autoctona (Culex pipiens) con un rischio di trasmissione delle Filariosi ormai presente 24 ore su 24.
In seguito all’innalzamento delle temperature, si accorciano i tempi di trasmissione della malattia, con conseguente aumento del numero dei cicli di trasmissione.
Si espande l’area della malattia: dalla tradizionale localizzazione in Pianura padana, comprese le fasce collinari e pedemontane ed in Toscana – la Filariosi cardiopolmonare si è estesa a Nord al Canton Ticino, ed a Sud raggiungendo il Lazio, Abruzzo e Sardegna; la Filariosi sottocutanea è presente nelle stesse aree, al Centro Sud e nelle isole. (presente ormai da molti anni anche in Valle d’Aosta).
Filariosi felina: una malattia diversa da quella del cane
La Filariosi Cardiopolmonare, causata dallo stesso parassita del cane e trasmessa dai medesimi vettori della malattia (le zanzare) colpisce anche i gatti. In questi animali la malattia si manifesta con modalità differenti, e per molti aspetti anche più gravi, rispetto a quelle del cane. Per la peculiarità con cui si manifesta e per la difficoltà diagnostica, è sempre stato difficile tracciare un quadro preciso della patologia, facendone sottostimare la reale diffusione.
Continua a leggere