Archive for the Alimentazione Category

Conferenza – viaggio nel vegetarianesimo

Posted in Alimentazione, Ambiente, Animali, Animalisti, Benessere Animale, Campagna di informazione, Canile, Diritti animali, Diritti Umani, Iniziative, Maltrattamento, Natura, no caccia, Petizioni, Protezione animali, Solidarietà, valle d'aosta, Vegetarianesimo, volontariato valle d'aosta on 20 gennaio 2012 by avapa

“Caro amico,
mi chiedi perché non mangio carne e ti domandi per quale ragione mi comporto così. Forse pensi che ho fatto un voto o una penitenza che mi priva di tutti i piaceri gloriosi del mangiar carne. Pensi a bistecche gustose, pesci saporiti, prosciutti profumati, salse e mille altre meraviglie che deliziano gli umani palati; certamente ricordi la delicatezza del pollo arrostito.
Vedi, io rifiuto tutti questi piaceri e tu pensi che solamente una penitenza, o un voto solenne, o un grande sacrificio possa indurmi a negare questo modo di godere la vita e che mi costringa ad una rinuncia.
Sei sorpreso, chiedi: – Ma perché e per quale motivo?
Te lo chiedi con intensa curiosità e pensi di poter indovinare la risposta.
Continua a leggere

IL CIOCCOLATO FA MALE AI CANI?

Posted in Alimentazione, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Curiosità, Incidenti, soccorso animali, valle d'aosta on 1 dicembre 2009 by avapa

UN DOLCE PER UNA MORTE IMPROVVISA

Molte persone pensano che la cioccolata sia un piacere supremo, ma questo innocente ed ingrassante piacere può essere mortale per i cani. Un vivace Golden Retriever, trovando un sacchetto aperto di pezzi di cioccolata, li ingurgitò più rapidamente che potè. Il suo padrone, dette poco peso all’incidente e ripulì il pasticcio fatto dal suo cane. Quella sera stessa il cane collassò e morì. Qual’era stata la causa per cui un cane perfettamente in salute morisse così improvvisamente? un nuovo virus? No il disturbo era poco conosciuto, ma non di meno mortale: tossicosi da cioccolata o avvelenamento da cioccolata. La sostanza che è così venefica per i cani è la teobromide.
La taglia del cane ed il tipo di cioccolata sono i parametri che hanno maggior peso in un esito letale. Così la cioccolata non è un piacere che i proprietari di animali domestici dovrebbero distribuire ai loro fiduciosi ed affettuosi amici cani.
Il periodo delle feste è particolarmente pericoloso, quando grandi quantità di dolciumi e cioccolatini possono trovarsi in casa. Il cioccolato ha un gusto tentatore che sia gli animali domestici sia i loro padroni amano. Da quando i nostri cani sono spesso considerati membri della famiglia, è naturale dividere con loro le nostre gioie. Ma questa è una di quelle che deve essere messa fuori dalla loro portata.
Il Dr. John Sullivan, un tossicologo della University of Illinios Veterinary Medical School, dice che il problema della “tossicosi” può essere rilevante specie durante le vacanze quando la gente fa molti dolci con la cioccolata.
La cioccolata amara in polvere è la più pericolosa perchè contiene la più alta percentuale di teobromide per oncia (28,3 grammi) 400 mg per oncia comparata a 45 mg per oncia della cioccolata al latte. Generalmente i sintomi di tossicità compaiono quando vengono ingeriti 100 mg di Teobromide per ogni chilo di peso dell’animale. Così un barboncino di 4,5 chili può morire con l’ingestione di soli 28 grammi circa di cioccolato amaro.
Il prospetto sotto mostra la quantià tossica di cioccolato al latte e cioccolato amaro in polvere per i vari pesi dei cani. Quantunque questi mostrino i livelli potenzialmente letali, l’ingestione di quantità inferiori possono causare comunque considerevoli disturbi.
Quantità dannose di cioccolato:
peso
del cane
quantità di
cioccolato
al latte
quantità di
cioccolato
amaro
mg di
teobromide
2.3 kg
5 kg
10 kg
15 kg
20 kg
135 gr
270 gr
540 gr
600 gr
1400 gr
14 gr
28 gr
60 gr
100 gr
130 gr
200
400
900
1300
1800

 

I sintomi da avvelenamento da teobromide sono numerosi ed appaiono entro poche ore fino a 24 ore dall’ingestione della cioccolata.
La cioccolata permane nello stomaco dell’animale per lungo tempo. Appena essa viene assorbita nel sistema circolatorio l’animale presenta i seguenti sintomi:

– vomito
– aumento del ritmo respiratorio e del battito cardiaco
– diarrea
– tremore muscolare
– incontinenza urinaria
– convulsioni
– Iperattività
– coma

Non c’è antidoto per l’avvelenamento da teobromide.
La terapia è quella di sostenere le funzioni vitali di base dell’animale, prevenendo l’ulteriore assorbimento della cioccolata, sollecitandone l’eliminazione e trattando i sintomi. Se sono passate meno di due ore dall’ingestione, il primo passo da fare è indurre il vomito. Ciò dovrebbe sbarazzare il 70 % dl contenuto dello stomaco. Il cioccolato si può infatti sciogliere e formare una palla nello stomaco che può essere difficile rimuovere.
Se il cane ha mangiato una quantità che può essere tossica, non basta solo indurre il vomito.L’animale dobrebbe essere ospedalizzato finchè il malanno non sia passato. Il veterinario darà all’animale ripetute dosi di carbone attivo per rimuovere il veleno dall’organismo più velocemente e riducendo l’eccessivo assorbimento. I segni vitali (cuore e respirazione) devono essere accuratamente monitorati durante la terapia. Il miglior trattamento è comunque evitare l’accidentale ingestione: tenete i vostri cani lontano dalle tentazioni.
1) Mai lasciare la cioccolata incustodita alla portata dei vostri animali
2) Mai dare cioccolatini come premio
3) Mai dare per scontato che l’animale sta bene se ha vomitato dopo aver mangiato la cioccolata
La tossicosi da cioccolata è un vero e proprio killer, ma è un killer che si può prevenire. Se pensate che il vostro cane abbia mangiato una dose pericolosa di cioccolata, consultate immediatamente il vostro veterinario.

UNA CARTOLINA PER AIUTARE I CANI RANDAGI E ABBANDONATI

Posted in Abbandono, aiuto, Alimentazione, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Canile, Iniziative, Protezione animali, Randagismo, Rifugio, Solidarietà with tags , , on 5 agosto 2008 by avapa


ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA


Milano (4 luglio 2008) Inviando una cartolina dalle località di vacanza all’associazione italiana difesa animali ed ambiente si garantirà un pasto per un cane randagio ospitato in canile.

L’operazione alla quale possono partecipare tutti gli italiani è molto semplice basta inviare una cartolina da qualunque località turistica all’indirizzo dell’associazione italiana difesa animali ed ambiente e questo
garantirà un versamento di 60 centesimi di euro (il prezzo del francobollo) per ciascuna cartolina a favore dei cani abbandonati e randagi ospitati in alcuni canili rifugio italiani a cui  non verranno corrisposti i soldi ma un numero di scatolette e sacchetti di croccantini pari alla cifra raggiunta. Continua a leggere

La prevenzione dei vermi intestinali.

Posted in Alimentazione, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Cuccioli, Gatti, Malattie infettive, Patologie, Protezione animali, Sanità, Veterinari with tags , , , , , on 10 aprile 2008 by miacis

I vermi intestinali sono frequenti negli animali domestici. Chi viene in possesso di un cane o di un gatto sa che possono avere sgraditi ospiti nell’intestino, anche perché spesso sono bene evidenti nelle feci o nel vomito. Molto proprietari hanno paura che possano contagiare i bambini. In realtà questo pericolo è quasi inesistente.

Continua a leggere

I farmaci per gli uomini non vanno bene per gli animali.

Posted in Alimentazione, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Canile, Colonie feline, Cuccioli, Gatti, Gattile, Patologie, Protezione animali, Sanità, Veterinari with tags , , , , , , , , on 31 marzo 2008 by miacis

farmaci1.jpg

Leggevo recentemente su una rivista molto diffusa la risposta data a un lettore che chiedeva se era possibile dare gli stessi farmaci usati nell’uomo ai propri animali. Nella risposta si evidenziava, a mio avviso erroneamente, più il fatto che molte malattie sono comuni all’uomo e agli animali, piuttosto che moltissimi farmaci hanno un comportamento completamento diverso nelle varie specie. Se dovessi rispondere a una tale domanda scriverei di non somministrare mai un farmaco, usato in campo umano, a un cane, un gatto o un coniglio nano.

Continua a leggere

Cani e Gatti Obesi

Posted in Alimentazione, Animali d'affezione, Benessere Animale, Cani, Gatti, Maltrattamento, Patologie, Protezione animali, Veterinari with tags , , , , , on 23 marzo 2008 by avapa
cane-obeso.jpg
Avete mai incontrato in natura cani e gatti obesi? Ricordate che rendere obeso un animale è una forma di maltrattamento… Buona lettura
Ansa – Fuori pasto contro la noia, piccoli premi, porzioni di cibo generose, poco movimento e il danno ègatto-obeso.jpg fatto: così cani e gatti, alla stregua dell’uomo, mettono su chili di troppo, fino al sovrappeso e all’obesità, rischiando gravi malattie. Nella società del benessere a fare i conti con la bilancia sono anche gli animali di casa, perfino quelli esotici, troppo viziati. “Per il loro bene non umanizzateli, né nell’educazione né nell’alimentazione”, chiede la veterinaria specialista in nutrizione Cinzia Sanna, riferendo uno studio dell’Università di Torino, condotto nel Nord Italia. Su 350 cani il 35,2% è risultato in sovrappeso e tra questi l’8% obeso.

Continua a leggere

Toxoplasmosi: verdetto di assoluzione per i Gatti.

Posted in Abbandono, Alimentazione, Ambiente, Animali, Animali d'affezione, Benessere Animale, Colonie feline, Cuccioli, Gatti, Gattile, Gravidanza, Malattie infettive, Natura, Patologie, Protezione animali, Veterinari with tags , , , , , on 22 marzo 2008 by miacis
Una malattia insidiosissima per il feto se contratta durante la gravidanza. Ma la vicinanza dei felini domestici, spesso additata come tramite principale, non ne è responsabile.

ungatto-cover.jpg

Uno studio condotto in sei città europee evidenza fattori di rischio molto più rilevanti: meglio tenere d’occhio le carni crude e badare all’igiene generale

Continua a leggere