Dedicato a condòmini e amministratori intolleranti (e insensibili)

I  DIRITTI  DEI  GATTI  DELLE  COLONIE  IN  CONDOMINIO

 1. I gatti presenti in colonie riconosciute che vivono negli spazi condominiali sono tutelati dalla legge 281 del 1991 e dalle leggi regionali di attuazione, che garantiscono ai gatti diritto di territorialità e libero transito, diritto all’alimentazione, e diritto di ricovero.

2. I gatti appartenenti alle colonie feline riconosciute ai sensi del punto 1 non possono essere trasferiti né spostati per nessun motivo dal loro territorio, se non a causa di gravi motivi igienico-sanitari.

3. È vietato maltrattare, allontanare, spaventare, ferire o uccidere i gatti anche attraverso l’uso di bocconi avvelenati o veleno in genere. Tali fatti sono considerati reati penalmente perseguibili e punibili con un’ammenda fino a 25.000 € e con la reclusione fino a 2 anni, ai sensi dell’art. 544 del Codice Penale.

4. I gatti appartenenti alle colonie feline riconosciute hanno diritto alla sterilizzazione o alla castrazione gratuita, che deve essere effettuata dalla ASL Veterinaria o da veterinari convenzionati.

5. I gatti appartenenti alle colonie feline riconosciute hanno il diritto di caccia anche nelle cantine condominiali allo scopo di effettuare derattizzazione naturale, svolgendo di fatto una funzione meritoria di pubblica utilità.

6. Si intendono colonie feline condominiali riconosciute tutte le colonie, anche se composte da 1 solo gatto, regolarmente censite presso il Comune di residenza e la ASL veterinaria di riferimento, site sia all’interno di condomini composti da 1 o più palazzi, sia presenti all’interno di cortili composti da uno o più appartamenti.

7. I gatti hanno diritto ad avere sempre a disposizione – in uno spazio comune ben delimitato e il più lontano possibile dalle abitazioni e dai parcheggi – ciotole contenenti acqua per 24 ore al giorno.

 I  DIRITTI  DELLE  GATTARE  O  GATTARI  IN  CONDOMINIO

 1. Le gattare hanno diritto di accedere agli spazi comuni del condominio per nutrire la colonia, in orari prestabiliti e concordati con l’amministratore.

2. Le gattare hanno diritto di accedere agli spazi comuni di condominio anche in compagnia di terzi allo scopo di curare gatti malati o di catturare attraverso apposite gabbie-trappola i gatti che necessitano di cure e da sottoporre a sterilizzazione.

3. Le gattare – se residenti in condominio – hanno diritto di utilizzare parte degli spazi comuni e di pertinenza comune per realizzare casette e rifugi mobili per garantire il riparo dei gatti, specialmente nelle stagioni fredde. Tale diritto può essere esercitato solamente se non lede il diritto degli altri condomini all’utilizzo degli spazi comuni anche per il medesimo scopo.

4. Le gattare nella funzione della loro attività non possono essere sottoposte a vessazioni o molestie di alcun genere.

5. Le gattare hanno diritto di alimentare o dare rifugio alla colonia felina all’interno degli spazi di esclusiva proprietà, fatto salvo che tale attività non alteri il decoro generale del condominio o del cortile.

 I  DOVERI  DELLE  GATTARE  O  GATTARI  IN  CONDOMINIO

 1. Provvedere immediatamente alla registrazione della colonia felina presente in condominio o cortile presso il Comune di residenza e la ASL veterinaria, dandone nel contempo tempestiva comunicazione all’amministratore di condominio.

2. Richiedere la sterilizzazione degli gatti della colonia, al fine di controllarne la crescita demografica.

3. Le gattare hanno il dovere di individuare gli spazi comuni in cui alimentare i gatti, il più lontano possibile dalle abitazioni, dai parcheggi, da aree giochi riservate ai bambini e da eventuali aree condominiali destinate allo sgambamento dei cani; le aree dovranno essere individuate in accordo con l’amministratore di condominio.

4. Le gattare hanno il dovere di tenere pulite le aree in cui alimentano i gatti di colonia lasciando per un periodo massimo di 1 ora al mattino e 1 ora alla sera le ciotole con il cibo a disposizione dei gatti. Le ciotole con l’acqua devono essere invece disponibili 24 ore al giorno.

5. È compito della gattara tener puliti gli spazi condominiali pubblici dove circolano i gatti della colonia. In particolare è compito della gattara rimuovere le feci e gli escrementi solidi prodotti dai gatti, tener puliti con appositi prodotti gli spazi condominiali interni utilizzati dai mici in particolare provvedendo alla rimozione del pelo e alla pulizia delle eventuali dispersioni di urina.

6. Le disposizioni di cui al punto 5 (relativa agli escrementi solidi) si estendono in particolar modo alle aree adibite al gioco dei bambini, al parco condominiale, e su specifica richiesta anche all’interno di aree private dove è consentito l’accesso e il transito dei gatti.

7. È obbligo della gattara provvedere al benessere dei gatti di colonia informando immediatamente il veterinario di fiducia in caso di presenza di gatti malati, in modo da provvedere alle loro cure.

8. È obbligo della gattara ripulire il pelo eventualmente disperso nelle zone di transito, alimentazione ed eventuale rifugio dei gatti, a fronte della presenza verificata di soggetti allergici, in particolar modo se trattasi di anziani o bambini.

Troppa gente continua ad ignorare che i gatti liberi hanno i loro diritti e che uccidere un gatto è REATO PENALE.       miacis

Advertisements

16 Risposte to “Dedicato a condòmini e amministratori intolleranti (e insensibili)”

  1. giorgio Says:

    Dovreste fare dei manifesti e tappezzare tutta la Valle!!! Il 90% della popolazione ignora queste leggi… compresi assessori comunali, vigili urbani, nonchè come dici tu condomini e amministratori… l’ignoranza regna sovrana (e anche la perfidia) non mollate mai!!!

  2. penso che tante volte non siamo bravi abbastanza nel prenderci cura di poveri animali abbandonati lasciati soli..come i gatti che talvolta si ritrovano a girare sofferenti x le strade di tanti nostri paesi..senza che nessuna se ne prenda cura.
    qua dobbiamo essere brevi noi tutti nel dare 1 mano a quelli come le associazioni che se ne prendono cura.
    ogni tanto si può fare.. dimostriamoci generosi e buoni. verso questi poveri animaletti abbandonati..
    io nel mio piccolo me ne prendo cura. 1 saluto a l’ A.VA.P.A.
    siete davvero grandi..bravi..grazie x quello che fate..

  3. Mathieu Says:

    Grazie, grazie mille Miacis!! Ho sbattuto in faccia al mio amministratore il tuo post, l’ha letto e riletto, non ci credeva!!! ha detto che verificava, allora gli ho detto di andarsi a leggre le leggi nazionale e valdostana.
    Ha ragione Giorgio…. l’ignoranza al potere!!! Ma siamo noi amanti degli animali a doverci svegliare!!!

  4. Il mio condominio è stato costituito da poco più di un anno e i miei gatti sono abituati a vivere, oltre che nel mio appartamento (la notte e di inverno), nel giardino -ORA condominiale-. Tale abitudine è molto anteriore alla creazione ufficiale del condominio; gli animali sono ben tenuti, l’ambiente è pulito, ordinato, come risulta anche da un sopralluogo dell’USL veterinaria, sollecitata da un condomino che mi perseguita, per motivi che nulla hanno realmente a che fare con le ragioni di convivenza condominiale, ma dietro le quali si nasconde al fine di impedire ai gatti di frequentare la corte comune.
    Io sbagliai in passato a non denunciare ufficialmente la presenza di una colonia felina; posso farlo ora o la cosa sarebbe sottoposta al parere dei condomini? Che comunque credo mi sarebbero favorevoli.
    Grata per i consigli anche legali che potrete darmi.
    Francesca

    • Ciao Francesca, puoi tranquillamente registrare ora la tua colonia felina presso l’USL Veterinaria, che avendo già effettuato il sopralluogo conosce la situazione, non serve assolutamente ne il parere, ne il benestare dei condomini, che dovranno forzatamente accettare la presenza dei felini. Continua a lottare contro l’intolleranza, l’insensibilità e la cattiveria delle persone che essendo povere dentro non comprendono la bellezza dei nostri amici, stampa il nostro post e faglielo leggere… saluti, miacis

  5. Nicholas Says:

    Caro Miacis, grazie per l’articolo mi ha abbastanza rassicurato riguardo alla situazione di mia madre in quanto credo si possa a grandi linee applicare alla sua situazione. Mi spiego meglio: mia madre si è da poco trasferita con i suoi due gatti in una casa che ha acquistato. L’appartamento è in campagna, pian terreno e i vari condomini a pian terreno godono dell’uso esclusivo della porzione di giardino di fronte al loro appartamento. Mia madre permette ai suoi gatti di entrare e uscire dalla loro nuova casa e fino a qui tutto bene. Il problema nasce dal fatto che una vicina (comunque gentile e disponibile) soffre di una grave fobia dei gatti e non tollera che i gatti si aggirino nella sua porzione di giardino o (non sia mai) si addentrino in casa sua da una finestra aperta (cosa che non è fortunatamente ancora accaduta). I giardini condominiali ad uso esclusivo costituiscono eccezzione alle leggi a cui ti sei riferito nel tuo post? Che consigli avresti per mia madre e per la sua vicina? Mia madre oltre tenere moltissimo ai suoi gatti tiene molto al buon vicinato. A parte prendere un cane (cosa che aveva risolto il problema della vicina precedentemente ma dopo la morte del cane non intende ripetere) come potrebbe risolvere il problema la vicina? Insomma: c’è un modo per avere la botte piena e la moglie ubriaca? Grazie miacis per i tuoi consigli… spero che tu sappia darmi anche dei riferimenti legali per poter anche essere più precisi nella ricerca di una soluzione. Un abbraccio anche a tutti i lettori. Ciao!

    • Ciao Nicholas, mi scuso per il ritardo, in molti casi uguali a quello di tua madre, dove i vicini non si sono dimostrati ne gentili ne disponibili,
      i tribunali hanno sancito che queste persone intolleranti ai gatti proteggano la loro proprietà con recinzioni alte fino a due metri e mezzo.
      Stesso discorso vale per gli orti. Appena avrò tempo andrò a cercare queste sentenze che avevo scaricato dalla rete. Comunque è chiaro, se io soffro di una grave fobia sono io che devo proteggermi… non posso certo pretendere che chi mi sta intorno rinunci a cose per lui importanti a causa di un mio problema! saluti, miacis.

      • Nicholas Says:

        Grazie per le rassicurazioni. Per fortuna in questo caso la legge segue il buon senso!

  6. Ciao,
    mi chiamo Valeria da 1 anno e mezzo circa vivo in un condominio e ho una gatto, sterilizzato, vacinato.
    Non ha mai dato fastidio a nessuno fino a pochi mesi fa, (anzi, giocava coni bambini ecc) ma adesso è arrivata una nuova inquilina che ha la figlia allergica al gatto e ha scritto una lettera al nostro amministratore… dicendo che io sono responsabile se sua figlia sta male e lamentandosi del gatto e del fattto che lo devo tenere in casa ecc…..
    l’amministratore ha mandato a tutti i condomini una lettera dove vieta a tutti gli animali di stare liberi nelle aree comuni del condominio.
    Inoltre questa vicini ha minacciato piu’ volte di ammazzarmi il gatto, per cui le ho fatto un esposto dai carabini.
    Pero vorrei un aiuto trovando una legge scritta così che io possa portarla nella prossima assemblea condominiale e far valere i diritti dei gatti che abitano qui.(che sono circa 5/6 tutti di proprietà di miei vicini)
    Per favore aiutatemi!

    • Ciao Valeria, prima di tutto complimenti per non aver ceduto e per aver fatto l’esposto ai Carabinieri, ricorda alla signora che la sua libertà finisce dove inizia la tua… alla prossima assemblea condominiale puoi portare la stampa del post che hai letto, è sufficiente. In una colonia felina di cui sono referente (circa una ventina di gatti) era sorto lo stesso problema per un bambino, ma nessuno a potuto allontanare i gatti, è stato soltanto concordato che la gattara che si occupa della colonia tenesse pulite (anche da accumuli di pelo) le aree comuni del condominio. Puoi rivolgerti anche ai Servizi Legali dell’AIDAA (gratuiti). A seguire troverai degli indirizzi utili per il tuo problema, NON ARRENDERTI, saluti, miacis.
      http://www.enpa.it/it/animali_e_legge/Animali_in_condominio.html
      http://www.aidaa.net/eventi_138.htm

    • Nicholas McKinnon Says:

      Le minacce sugli animali costituiscono per una legge (mi sembra pure recente) un nuovo reato. La tua vicina rischia grosso continuando sulla sua linea ottusa. Hai tutto il mio sostegno in questa vicenda: potresti suggerire alla vicina di acquistare uno ionizzatore (mia pare si chiami così) per far precipitare le microparticelle di cui è allergica sua figlia nei pressi del suo portone. Purtroppo chi soffre di allergie deve cercare dei rimedi alternativi all’eliminazione dell’oggetto dell’allergia… altrimenti nel mio caso dovrei chiedere di eliminare parecchie piante dal mio quartiere…

  7. Buongiorno cari amici,mi trovo in una situazione abbastanza pesante. Nel mio quartiere ho sistemato un rifuggio,una casetta,per una decina di gatti gatti,cuccioli ed adulti,in un angolo di marciapiede sotto un albero,dove a nessuno non impo…rta più di tanto,mettendo all’interno delle ceste con dei maglioni,dove loro possono ripararsi dal fraddo e dalla pioggia,portanto da mangiare ogni giorno,io e delle altre persone fuori quartiere,e prendendomi cura delle pulizie,cioè solamente da togliere piatti sporchi o quello che rimane,non lasciando niente,da dire anche che i gatti non sporcano. Il problema è questo: I miei vicini degli altri condomini,hanno fatto segnalazione,al comune,ai vigili e ai Carabinieri,dicendo che tutto questo è un DEGRATO,e non stà all’occhio sociale,qualcuno ha anche messo del veleno nel loro mangiare,per questo ora mi spiego perchè alcuni cuccioli sono scomparsi,o li ho trovati morti. E davvero vergognoso! Concludendo,oggi mi ha chiamato un autorità,dicendomi che deve scomparire tutto,per evitare avvelenamenti,e perchè non stà all’occhio. Credetemi,non ho parole. E possibile che non c’e una soluzione a tutto questo. Da dire che nel mio paese,come la maggiorparte degli altri paesi,c’e una inciviltà incredibile,e nesuno ha rispetto di niente,su questo nessuno si lamenta.

    • Ciao Andrea, nessuna autorità può importi di “far sparire tutto”. Se lo fa è un’autorità ignorante, nel senso che ignora le leggi, e, credimi, accade molto sovente. La legge nazionale n° 281 del 14 agosto 1991 tutela e protegge i gatti liberi e le colonie feline così come tutte le leggi regionali. Tu dovresti appoggiarti alla protezione animali della tua città che in seguito registrerà la tua colonia felina presso l’Asl veterinaria e la tua posizione sarà inattaccabile. Fammi sapere in che regione abiti e ti farò sapere dove trovare la legge regionale, quella nazionale la puoi trovare a questo indirizzo: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_normativa_911_allegato.pdf. Non darti mai per vinto…Saluti, miacis

  8. Ma perchè avete cancellato i miei commenti?
    Avevo fatto delle domande e oltre a trovare i post cancellati non ho ricevuto la minima risposta. Ma perchè?

  9. Ecco le mie domande:
    1 – Riguardo il diritto di libero transito dei gatti: i diritti sono specificati per le colonie feline, ma da quanto ho letto è applicabile anche ai gatti di proprietà, ho capito giusto? Il diritto vale anche per i gatti di proprietà?
    2 – C’è la legge o la normativa che specifica quanto scritto nel post? L’ho cercata, ma non l’ho trovata, in caso mi servisse, temo che gli intolleranti direbbero: non c’è una legge.
    3 – Al contrario: esiste una legge che obbliga i proprietari a farsi carico degli eventuali danni che creano i propri felini?
    Mi spiego: i miei tre gatti ( 2 femmine ed 1 maschio), liberi di girare anche all’aperto, sono tutti castrati e pare non creino problemi a nessuno. Invece un gatto dei vicini è intero e costantemente mi marca l’esterno privato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: