Tempi duri per gli Animali!

In una società in cui i governi, di qualsiasi parte essi siano, sbandierano a parole (soprattutto in vista delle elezioni) il loro impegno per combattere maltrattamenti degli animali ed abbandoni, nei fatti si muovono in tutt’altro senso, rendendo difficile la vita a quei cittadini che per questa battaglia si adoperano tutto l’anno in prima persona. Parliamo di coloro che adottano un animale randagio dai canili e dai rifugi (e non già di chi compra animali di razza da negozi e allevamenti spesso favorendone il traffico illecito ed inimmaginabili sofferenze). Chi adotta un randagio lotta veramente contro il randagismo ed i maltrattamenti e se lo adotta da un rifugio consente ad altri animali di trovarvi cure ed affetto. Ma le Amministrazioni pubbliche, invece di incentivare l’adozione di animali dai rifugi, emettono tutta una serie di vincoli e divieti che rendono problematico anche il solo uscire per una passeggiata con il proprio cane. Ed è quindi ovvio che molti, alla fine, desistano e lascino i cani nei canili. Una delle più recenti trovate della nostra Regione è quella di aver posto limiti sempre più restrittivi all’ingresso di cani nelle spiagge, anche negli stabilimenti in possesso di autorizzazione ed appositamente attrezzati.

Dog watching sunset

In queste spiagge della nostra Riviera tutto è organizzato in modo che la presenza dei cani non arrechi fastidio alle persone: è ovviamente prevista e obbligatoria la raccolta delle deiezioni, i cani devono essere trattenuti da apposito guinzaglio e l’accesso è consentito soltanto a cani vaccinati e sanitariamente controllati. Esemplare, a questo proposito, la costituzione di un’associazione di operatori turistici della riviera adriatica “Emilia Romagna, cani d’amare”, il cui scopo è appunto quello di offrire un ulteriore servizio a chi vuole andare in vacanza col proprio cane. Per esperienza personale possiamo affermare che i cani in spiaggia danno meno fastidio del continuo vociare dei bambini, di calciatori o tennisti improvvisati, delle radio e degli schiamazzi a tutto volume. Non esistono problemi di sicurezza perchè i cani sono legati all’ombrellone o al guinzaglio del proprietario e non si capisce quali problemi igienici possano creare oltre a quelli già procurati dalle migliaia di persone che ogni giorno si riversano in spiaggia, senza cani, e che lasciano sulle spiagge rifiuti di ogni genere per tacere di quelli, anche organici, che riversano in mare. Di questo gli amministratori sembrano non occuparsi affatto preferendo colpire dove è più facile farlo e dimenticando che in tal modo danno il colpo di grazia a tutti quei gestori che, con passione ed impegno, hanno investito in questi anni tante risorse per consentire l’accesso alla nostra Riviera anche a chi possiede un animale da compagnia, offrendo in questo modo un concreto contributo alla lotta contro gli abbandoni estivi. A chi volesse sostenere il divieto di accesso ai cani nelle aree verdi delle città e nelle nostre spiagge adducendo il motivo che alcuni proprietari di animali non si comportano in maniera educata (come d’altra parte moltissimi non-proprietari di animali) facciamo presente che sarebbe come vietare a tutti i conduttori di auto di guidare perchè alcuni imbecilli superano i limiti di velocità o parcheggiano in doppia fila. Come sempre le violazioni ed i cattivi comportamenti vanno perseguiti ma non bisogna penalizzare un’intera categoria a causa della stupidità di pochi. Invitiamo tutti gli amanti degli animali a sostenere la neonata associazione ed a firmare la petizione on-line sul sito http://www.dogwelcome.it oppure firmate ai nostri banchetti.

Lega Nazionale per La Difesa del Cane – sez. di Forlì — Piera Rosati dir. Ufficio Comunicazione e Sviluppo LNDC comunicazione.sviluppolndc@gmail.com

Lega Nazionale per la Difesa del Cane Via Catalani 73, 20131 Milano cell. 335 7107106 Tel. 02 36565297 Fax 02 26116502 http://www.legadelcane.org

Annunci

2 Risposte to “Tempi duri per gli Animali!”

  1. […] Read the rest here:  Tempi duri per gli Animali! « A.VA.P.A. ONLUS Protezione Animali VdA […]

  2. c’è persino un sindaco che vieta di dare da mangiare agli animali:

    http://www.ilminuto.info/notizia.php?id_notizia=196

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: