La prevenzione dei vermi intestinali.

I vermi intestinali sono frequenti negli animali domestici. Chi viene in possesso di un cane o di un gatto sa che possono avere sgraditi ospiti nell’intestino, anche perché spesso sono bene evidenti nelle feci o nel vomito. Molto proprietari hanno paura che possano contagiare i bambini. In realtà questo pericolo è quasi inesistente.

I bambini, a loro volta, possono albergare vermi intestinali molto simili agli Ascaridi del cane e del gatto, ma ognuno colpisce il suo ospite. In altri termini, se un bambino dovesse venire a contatto con questi vermi e ingerirne le larve, queste non riuscirebbero a diventare vermi adulti e sarebbero presto distrutte nel suo organismo. E’ però necessario sapere che esistono rarissimi casi di cosiddette localizzazioni aberranti di tali larve. Si tratta di casi generalmente descritti sui libri, proprio perché del tutto eccezionali, ma questo non toglie che si debba attuare una efficace prevenzione e cura di queste parassitosi.

I vermi intestinali più comuni nel cane sono gli Ascaridi già citati. Si tratta di vermi tondi e, in effetti, vista la loro lunga migrazione nel corpo, si possono ben vedere nelle feci o nel vomito, talvolta in vere e proprie matasse che lasciano impressionati i proprietari. Hanno la forma di uno spaghetto cotto e ciò che fa veramente “schifo” è vedere queste matasse muoversi tra i succhi gastrici lasciati sul pavimento o peggio sul tappeto. A parte lo schifo, questi parassiti, che colpiscono anche il gatto, non sono particolarmente pericolosi, a meno che l’infestazione non sia talmente massiccia da provocare lesioni intestinali gravi o addirittura “torsioni” dell’intestino, sotto forma di invaginamenti.

Vi sono altri tipi di vermi tondi che sono molto più pericolosi per il cane, prima di tutto perché non è così facile vederli a occhio nudo e poi perché la loro capacità di lesionare la delicata mucosa intestinale è molto più elevata, rispetto agli Ascaridi. Si tratta degli Ancilostomi e dei Trichiuridi, piccoli vermi in grado di causare enteriti gravi, talvolta emorragiche, anche se non sono particolarmente numerosi.

Per quanto riguarda il gatto invece i parassiti più frequenti sono forse le Tenie, a parte i gattini giovanissimi dove si riscontrano più frequentemente gli Ascaridi, come avviene per il cane. La tenia (il cosiddetto verme solitario) è un verme piatto e non sempre è facile vederlo nelle feci perché i “pezzi” terminali del lungo parassita sono eliminati non tutti i giorni. E’ molto più facile accorgersi, mentre il gatto solleva la coda, che ha delle specie di piccoli chicchi di riso schiacciati attaccati all’ano. In questo caso la diagnosi è già fatta. Ricordo che la tenia ha per ospite obbligato la pulce, ergo se il gatto ha la tenia ha anche le pulci.

La prevenzione dei vermi intestinali è molto semplice. A parte l’osservazione diretta delle feci e dei sintomi che essi possono causare (vomito, diarrea e dimagrimento), per i cani, e per i gatti che bighellonano fuori casa, è buona norma, una volta l’anno, portare tre campioni di feci (presi in tre giorni consecutivi) a far esaminare. Oggi ci sono farmaci estremamente efficaci e ottimamente tollerati tra i quali anche gli spot on (quelli da somministrare tra le scapole), semplici da somministrare.

di Oscar Grazioli   fonte: Tiscali Animali         miacis

 

 

Advertisements

4 Risposte to “La prevenzione dei vermi intestinali.”

  1. isabella Says:

    ciao,
    con frida che va mangiando tutte le cacche di gatti e umane che trova a portata di muso io uso il sistema della nonna, perle di succo di aglio comprate in erboristeria, naturalmente le prendo anche io. Fino ad ora……………………………………….tutto bene.

  2. Qualche gorno fa ho notato nelle feci del mio cane che è di piccola taglia dei vermi bianchi lunghi un paio di cm., di forma un pò schiacciata e presenti solo all’inizio della cacchina Gli ho somministrato mezza pillola che ho preso presso un negozio di animali e all’ indomani e nei giorni seguenti, controllando le sue feci, non ne ho più rilevati. Mi piacerebbe sapere il loro nome. Grazie.

    • Ciao Teresa, i vermi dei cani si dividono in tre principali categorie: protozoi, nematodi, cestodi. Dalla tua descrizione potrebbero essere nematodi, che si dividono a loro volta in tre categorie: ascaridi, ancilostomi, tricocefali.) ma probabilmente si tratta di uova di tenia. difficile essere più precisi. saluti, miacis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: