Convenzione Europea per la protezione degli animali randagi

OIPA Italia Onlus (Organizzazione Internazionele Protezione Animali)

hutchinson-alain-wince.jpgL’eurodeputato Alain Hutchinson vuole ottenere il più rapidamente possibile una “Convenzione Europea per la Protezione degli animali randagi e d’affezione”. Una prima Convenzione Europea è stata firmata il 13/11/1987 a Strasburgo. Gli Stati membri del Consiglio d’Europa firmatari riconoscono che l’uomo ha l’obbligo morale di rispettare tutte le creature viventi. Purtroppo non tutti i Paesi europei hanno apposto la firma e alcuni dei firmatari della Convenzione non hanno provveduto a ratificare il testo. Il Consiglio Europeo avrebbe dovuto incontrarsi ogni 5 anni per modernizzare il testo e adattarlo alle nuove esigenze ma ciò non si è mai verificato. Il randagismo è un fenomeno in crescita, una piaga in continuo deterioramento in tutta l’Europa. L’animale lasciato solo non è capace di procacciarsi il cibo e spesso muore di fame e di sete oppure investito da veicoli in transito. Alcuni animali, abbandonati perché vecchi o malati, non hanno alcuna possibilità di sopravvivere. Nel Settembre 2006 il Commissario Kyprianou, nelle cui competenze rientra il Benessere degli Animali, aveva proposto una Convenzione Europea su questa materia. Alla presentazione agli Stati Membri non era stata raggiunta la quota necessaria per l’approvazione. Le percentuali di voto, richieste per approvare il testo, non sono modificabili, la Convenzione quindi non vide mai la luce. I criteri per approvarla sono obsoleti, non prendono in considerazione la situazione degli animali nei nuovi Stati Membri. Romania e Bulgaria sono paesi tristemente noti per la crudeltà inflitta sui randagi. Se il Consiglio d’Europa, il Parlamento Europeo e l’Unione Europea nel loro complesso vogliono essere costanti con i valori che predicano, devono portare avanti una legislazione per proteggere gli animali randagi e domestici. Hutchinson vuole raccogliere un milione di firme per poi presentare un nuovo progetto di legge al Parlamento Europeo, per fare in modo che la situazione attuale si sblocchi e che sia assicurata maggiore protezione, a livello europeo, ai nostri amici animali.

La Convenzione prevederà:

  • Sanzioni severe per coloro che abbandonano un animale;
  • Gli animali devono essere identificati, da parte del proprietario, subito dopo l’acquisto, con microchip come previsto dalla legge attraverso l’Europa;
  • Sanzioni severe per tutti i maltrattamenti degli animali, in accordo con una futura legge, che sarà applicata in tutta l’Unione Europea; e
  • Stabilire una politica per il controllo delle nascite, stanziando un budget con lo scopo di:
  • Organizzare e finanziare un progetto a livello europeo di TNR ovvero cattura/sterilizzazione/rilascio e un programma di vaccinazione per milioni di randagi presenti in Europa;
  • La costruzione di rifugi conformi alle norme in vigore nell’UE;
  • Finanziare questi rifugi per assicurare che gli animali siano tenuti in modo confortevole, nutriti, e curati adeguatamente; e
  • Sovvenzionare un direttore per ogni rifugio ed assicurare che il suo ruolo sia svolto con requisiti minimi imposti dagli standard europei.

Firma la petizione

Annunci

6 Risposte to “Convenzione Europea per la protezione degli animali randagi”

  1. Questa è un’ottima iniziativa!

  2. franca Says:

    Trovo questa iniziativa molto giusta.

  3. Tarola Anna Maria Says:

    Mi complimento per l’iniziativa e spero che si potrà al più presto sensibilizzare le persone e soprattutto organizzare controlli che consentano di proteggere animali che vivono liberi. Purtroppo sono diffusi comportamenti violenti, anche nei piccoli paesi, senza controllo

  4. Nora Klein Trinca Says:

    Mi comlimento per l’ iniziativa, ma dovete intervenire immediatamente in Italia, dove stanno accadendo cose atroci ai cani abbandonati, sindaci barbari lasciano morire di fame tutti i cani randagi . Hanno emanato una legge fasulla che proibisce e multa chiunque sfami i cani randagi.
    La situazione in italia non è degna dell’ Europa è una VERGOGNA!

  5. pietro romanoa Says:

    salve srivo dalla provingia di agrigento volevo sapere se ci sono soldi per sfamare un cane randagio nel canile..e ke tipo di finaziamenti ci sono per avviare un canile..io ho tantissima passione per gli animali.al momendo o 3 cavalli tra cui una poni di anni 15 e la trattiamo come se fosse un bambino comunque chiudo il discorso ki maltratta gli animali maltratta gli uomini atten risposta cordiali saluti

    • Sig.ri Angela e Piero buongiorno, esistono possibilità per avviare dei canile, estiste l’obbligo da parte delle amministrazioni comunali di creare delle strutture che possano ospitare cani randagi, esistono i fondi messi a disposizione dal governo alle varie regioni, cosa che molta gente non sa, ed esiste la possibilità da parte di associazioni animaliste di prendere in gestione questi rifugi. in rete trova molto in merito alle normative vigenti. Saluti e buona fortuna
      Danilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: