Anche gli animali si ammalano di cancro.

cane_gatto.jpg

Fibrosarcoma. Già il nome fa venire qualche brivido. Sarà perché tutto quello che finisce in “oma” induce a brutti pensieri, mentre invece vi sono molti tumori benigni o ad andamento relativamente benigno che finiscono proprio in “oma” (anche se comunque non sono mai piacevoli). Il lipoma, un accumulo di grasso, l’emangioma, un ingrossamento dei vasi, ad esempio sono tumori del tutto benigni, di solito perfettamente curabili e soprattutto, proprio perché benigni, non in grado di provocare metastasi in organi vitali.

Vi sono poi altri tipi di tumori, che hanno un andamento completamente diverso nell’uomo e nell’animale. L’istiocitoma, ad esempio, è un grave, e per fortuna raro, tumore maligno nell’uomo, mentre nel cane giovane si tratta di una neoplasia che, quasi sempre, regredisce spontaneamente dopo qualche mese, senza lacuna terapia né medica né chirurgica. Il fibrosarcoma invece è una faccenda molto seria e sono in corso, da anni, studi e ricerche per fare luce su questo strano tumore maligno molto frequente nel gatto. Si tratta di una neoplasia invasiva e altamente maligna che colpisce dapprima il tessuto connettivo sottocutaneo e può poi espandersi in profondità fino all’interno delle cavità toracica e addominale, senza dar luogo a metastasi.

Alcuni ricercatori, come gli anglosassoni, mettono in correlazione questo tipo di tumore con le vaccinazioni, tanto da chiamarlo fibrosarcoma post-vaccinale. Altri, addirittura pensano che sia sufficiente, in animali predisposti, l’azione meccanica dell’ago per scatenare, nel tempo, la proliferazione di cellule maligne. In realtà nessuno conosce con certezza la verità e sarebbe saggio e prudente chiamarlo fibrosarcoma felino, termine che non implica la causa del tumore. Perché si è fatto avanti il sospetto che le vaccinazioni possano fungere da spina irritativa per la formazione del fibrosarcoma?

E’ stata l’analisi dei dati epidemiologici a indirizzare il sospetto nei confronti delle iniezioni sottocutanee e in particolare delle iniezioni vaccinali contro rabbia e leucosi felina. In altri termini si è notato che statisticamente la zona di insorgenza del tumore era localizzata di preferenza proprio nelle aree dove si praticano le vaccinazioni (zona interscapolare e dorso). Il meccanismo mediante il quale la vaccinazione stimolerebbe la formazione del tumore esula da questo articolo.

Sarà sufficiente sapere che le iniezioni ripetute potrebbero alterare il DNA, causando la formazione neoplastica. Condizionali, “se ” e “ma” d’obbligo, perché ancora non vi è nulla di certo. Alcuni, sulla base di questi dati, hanno messo in dubbio l’utilità delle vaccinazioni. Beh, se un gatto è stato regolarmente vaccinato per 7 – 8 anni e vive in casa, può evitare il richiamo annuale o tutt’al più farlo ogni 2 – 3 anni. Sia chiaro che è molto più facile, per un gatto, infettarsi di una grave malattia virale, a causa della mancata vaccinazione, piuttosto che rischiare un ipotetico tumore vaccino indotto. In media stat virtus.

di Oscar Grazioli fonte: Tiscali Animali miacis

Advertisements

14 Risposte to “Anche gli animali si ammalano di cancro.”

  1. Purtroppo alla mia gatta è stao diagnossticato un fibrosarcoma. Ha 11 anni e non è mai stata nè vaccinata nè sottoposta a prelievi di varia natura poichè il suo carattere è un pò troppo “felino”.
    Dobbiamo amputare la sua coda con il rischio che non riesca a sopravvivvere a causa del’anestesia.
    Bisogna addormentarla per fare delle lastre, è trooppo ribelle, ma potrebbe avere un’insufficenza respiratoria.

  2. gianluigi sellari Says:

    la mia gatta ha 13 anni . Il veterinario sospetta un fibrosarcoma, la prossima settimana verrà fatto 1 ago aspirato per la diagnosi definitiva
    Per ora la gatta sta bene, il sospetto tumore vicino alle zampe inferiori procede lentamente. Se verrà accertato un fibrisarcoma non faremo alcun intervento causa l’età e l’eccessiva invasività. quando la gatta comincerà a soffrire la sopprimerò con mio massimo dolore

  3. Ciao Gianluigi, procederei alla stessa maniera se la gatta fosse mia… non sono ovviamente favorevole agli accanimenti terapeutici, hai tutta la mia comprensione e solidarietà.

  4. francesca Says:

    ho un gatto europeo di circa 8 anni.da qualche mese si è notato nella zona interscapolare una neoformazione non si sa la natura,domani si procederà alla biopsia.è regolarmente vaccinato.

  5. gianluigi sellari Says:

    ringrazio MIACIS per la solidarietà.
    Dopo il 5 novembre abbiamo deciso di non fare nemmeno l’ago aspirato
    per evitare inutili patimenti e per non rischiare di scatenare ancora di più il male. Abbiamo pensato che fare l’ago aspirato per avere una conferma del male era assurdo. Al momento la gatta ha perso circa 2 etti di peso, il male si è ingrossato (come una noce) ma la gatta mangia, corre e sta bene. E’ sempre più viziata e vezzeggiata. In casa facciamo finta che non sia successo niente: si controlla solo il peso ma il calo per ora non è rilevante. Io continuo a sperare che, data l’età, ci lasci prima di iniziare a soffrire.

  6. antonella Says:

    anche io da quest’anno non faro’ vaccinare il mio micio di 8 anni su consiglio del veterinario. Vive ina casa per cui meglio non aggiungere altre possibili cause dal momento che altri fattori purtroppo influiscono a causare malattie di quel tipo nella loro vita (e mella nostra!).

  7. gianluigi sellari Says:

    Incrociando le ditta la mia gatta (Ludrovica 13 anni) non se la passa troppo male. Mangia poco, è dimagrita di circa 1.300 grammi ed ora pesa 4.5 kg; non è tanto grave perchè la gatta è di taglia piccola.
    Sembra che non soffra, dorme molto ed il presunto fibrosarcoma ha ancora le dimensioni di una noce; non sembra aumentato granchè.
    Credo di aver fatto bene a non stuzzicare la gatta nemmeno con l’ago aspirato; al momento fa ancora le stesse cose che faceva quando era più giovane anche se più lentamente.
    Se penso che si è notata la protuberanza da luglio del 2008, posso considerare che la situazione non è ancora disperata e spero ancora che la mia bestiolina chiuda gli occhi senza soffrire.

    Gigi Sellari

  8. la mia gatta ha 5 anni e le è venuto una noce su una scapola. la veterinaria dice che potrebbe essere un lipoma perchè con l’ago aspirato è venuto fuori una sostanza oleosa. ma devo farglielo fare in laboratorio l’esame. si è ingrossato molto e velocemente. spero sia solo un po’ di grasso ma ho tanti brutti pensieri. lei è il mio cuore.

  9. barbara Says:

    oggi alla mia cagnolina di quasi un anno è stato diagnosticato un tumore. il veterinario ha parlato di un microcitoma…ma che io sappia con questo termine si indica solamente un tumore polmonare mentre lei ce l’ha vicino nalla vagina!!! qualcuno mi può aiutare a capire? lunedì la dovrei portare a operare ma non sono convinta…grazie

    • Ciao Barbara, effettivamente il microcitoma è un carcinoma polmonare, a meno che non venga così definita genericamente una proliferazione incontrollata a piccole cellule, ma come tu stessa fai notare, è una patologia che riguarda i polmoni. Credo comunque che l’intevento sia importante anche se esistono altri trattamenti, come chemio o radio… Non posso che augurarti buona fortuna per il tuo amico peloso e cerca di chiarire con il tuo veterinario il perchè ha utilizzato il termine microcitoma per un carcinoma localizzato in quella zona…. a presto

  10. demicheli stefania Says:

    ho un gatto di 13 anni a cui l’estate scorsa e’ stato diagnosticato un fibrosarcoma intrascapolare, dopo una 1 operazione,fatta senza tac o ecografia,notare che io feci pressione in tal senso, ma il veterinario nn se ne curo’, il tumore si e’ ripresentato nuovamente piu’ aggressivo di prima,a quel punto decisi di portare il gatto a Nerviano presso un centro oncologico specializzato, li’ il micio e’ stata fatta la tac ed e’ stato operato, con un intervento complesso che ha comportato l’asportazione di 2 vertebre, ma ahime’ dopo 2 mesi la ferita nn si e’ rimarginata e il micio nn ha potuto essere sottoposta alla radioterapia, con conseguente ripresentarsi del tumore a”vista” cioe’ visibile ad occhio nudo, ovviamente nn posso fare piu’ nulla per lui, se nn medicarlo ed attendere ..la fine. lui continua a mangiare ed ad allietarmi con la sua presenza ma so che presto dovro’ ricorrere all’eutanasia, a volte credo che il troppo amore per gli animali sia devastante, io ho scelto di tentare l’impossibile, ma ..nn so se ne e’ valsa la pena ne per me ne per il mio micio, scusate lo sfogo

    • Ciao Stefania, sono reduce anch’io da un’esperienza analoga… la mia Lea di 11 anni è stata colpita da neoplasia polmonare con metastasi agli arti… hai ragione quando dici che amare gli animali può essere devastante, ma io ritengo che l’amore nei loro confronti non sia mai troppo… credo anche che sia giusto tentare l’impossibile come ho fatto anch’io l’importante è non sfociare nell’accanimento terapeutico. I tuoi dubbi sono anche i miei… darle un mese in più di vita anche se imbottita di antidolorifici ne è valsa la pena? non lo so, ma non sarei riuscito a fare diversamente… e Lea mi manca da morire… nonostante la presenza di altri otto gatti in casa… saluti malinconici, miacis.

  11. secondo me e’ brutto vedere un animale sopratutto in casa con il cancro,e’ brutto vedere come soffre,perk poi se ce l’ai da tanto e diventato un bambino e questo nella mia famiglia qualcuno l’a vissuto,si chiamava mec era un labrador,aveva 11 anni,e’ morto per il cancro e se qualcuno dice k gli animali nn soffrono nn vero perk certe volte soffrono piu gli animali k noi,nn dico k gli umani nn soffrono anzi in italia muoiono piu di un milione,di persone k soffrono di cancro,adesso io ho unaltro cane e vorrei tanto k a charli nn succedesse questo prek gli voglio veramnt bn e cm un fratello piu picolo pre me di cui io mi pendo cura,lo ccclo e gli do tutto quello k lui vuole

  12. danny Says:

    ho un cane che ha 6 anni e ha una specie di ciste all interno del pene,ultimamente si è ingrossata,l ho portato dal veterinario e gli ha fatto l ago aspirato e dopo l esame citologico ,gli è stato diagnosticato un microcitoma maligno,l ho scoperto oggi e dovranno asportarglielo nel piu breve tempo possibile,io non so nulla di queste cose e volevo sapere quante probabilità ci sono che la cura funzioni,aiutatemi perchè sto veramente male! grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: