Per non dimenticare…

Deceduto cane folgorato dal faro della Porta Praetoria
labrador.jpgIl 14/01/2008 attorno alle ore 18 ad Aosta, un cane di razza Labrador è deceduto dopo essere rimasto fulminato da uno dei fari che illumina il monumento romano Porta Praetoria, zona frequentata da residenti e turisti. Il cane stava passeggiando al guinzaglio con il suo padrone quando di colpo è caduto al suolo. Dopo aver avvertito la polizia municipale ha portato l’animale dal veterinario che secondo quanto appreso avrebbe confermato che la morte è stata causata da scariche elettriche. L’uomo ha annunciato che intraprenderà un’azione legale. Nel frattempo il faro è stato posto sottosequestro. Questa mattina è stato effettuato un sopralluogo della Deval, che ha comunicato che finché non sarà chiaro cosa è successo, l’intero impianto luci a terra, sotto il monumento, sarà disattivato.


INCIDENTI: PRIVO TENUTA STAGNA FARETTO CHE HA FULMINATO CANE

AOSTA – Sarebbe stato privo di un “anello metallico” – che garantisce , premendo sulla guarnizione, la tenuta stagna – il faretto che il 13 gennaio ad Aosta ha fulminato, per una scarica elettrica, un cane labrador. E’ quanto sarebbe emerso dalle verifiche che, peraltro, sono ancora in corso per accertare eventuali responsabilità. Il faretto illuminava la volta di Porta Pretoria sia il passaggio pedonale sotto le arcate lungo le quali il cane stava passeggiando accompagnato dal suo proprietario.
L’impianto, diventato di proprietà della Cva quando la Regione ha acquistato le centrali idroelettriche dell’Enel, è stato realizzato nel 1998; è a bassa tensione (220 volt) e la manutenzione, fino al 2005 era affidata alla Deval; da allora Deval non effettua più le operazioni di ricambio lampade, attività che è rimasta in carico all’Amministrazione comunale di Aosta, e che richiede lo smontaggio del corpo illuminante.
Il personale della società distributrice è invece intervenuto il giorno successivo all’incidente su chiamata del Comune ed ha rilevato che nel proiettore ad incasso che ha provocato la morte del cane risultava mancante dell’anello metallico.

Advertisements

3 Risposte to “Per non dimenticare…”

  1. Ciao danilo (giusto?), mi fa molto piacere conoscerti di persona e ti ringrazio per i complimenti e sopratttutto per avermi inserito tra i tuoi amici 🙂
    Ti ho inserito nel mio blogroll senza esitazioni, perchè penso che il tuo blog sia molto importante per tutti, quindi più è cliccato e meglio è!!!
    A presto
    Isabella

  2. Questa storia è terribile…
    Come sempre l’uomo incurante crea disastri.

  3. nicolo' Says:

    salve, volevo ringraziare la persona che ha inserito questa notizia nel suo blog.
    mi chiamo nicolo’ e fino a poco tempo fa ero il propietario di Dido….. il cane deceduto, colpevole solamente per aver messo la sua zampetta su un faretto che in quella circstanza si e’ trasformato in una mina antiuomo . l’incuranza di qualcuno a causato tutto cio’.

    fino a poco tempo fa non pensavo che un faretto posto a terra potesse essere cosi’ pericoloso, quindi per tutte le persone che come me amano i sioi amici a 4 zampe state attenti in futuro, perke’ una passeggiata domenicale non si trasformi in un incubo………
    cordialmente :
    Nicolo’ Messina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: