Come si comportano i cani con noi

Molte persone avranno letto storie di cani che hanno agito in modo da far credere di avere un sesto senso. La maggior parte di queste storie trova una spiegazione se ci sforziamo di comprendere lo sviluppo dei sensi dei cani, in particolare del loro olfatto, della sensibilità dell’udito, dell’ampiezza della visione periferica e della capacità di distinguere i movimenti. Ci sono tuttavia altre prodezze che non possono essere spiegate così facilmente. La questione se esistano cani metapsichici è destinata a rimanere senza risposta. Ciò che viene preso in esame è il modo in cui il cane si relaziona con la famiglia e percepisce il ruolo assegnato all’interno di essa.

Se noi possiamo camminare in una stanza e percepire un’atmosfera di tensione, il cane può fare altrettanto?

Quando percepiamo una certa atmosfera, cambiamo il nostro umore in relazione ad essa. Supponendo che i cani possano percepire la stessa atmosfera, in che modo la affrontano? All’interno della famiglia i cani non si percepiscono come semplici animali da compagnia. Il cane si considera parte del gruppo (branco) e inserisce ogni membro in una gerarchia per lui importante. Se chiediamo ad una famiglia di cinque persone più un cane di illustrarci la loro struttura gerarchica, le persone di tale famiglia porranno il cane invariabilmente al sesto livello, mentre il cane raramente vede le cose allo stesso modo dei suoi padroni. Nella stragrande maggioranza dei casi problematici, il cane si vede piazzato al secondo o terzo posto e, in alcuni casi, al primo.

Il cane, quindi, percepisce se stesso come parte integrante dell’unità familiare, non come un accessorio così come lo vediamo noi e, come tale, egli si sente molto coinvolto nelle interazioni quotidiane con i membri della famiglia. Basta osservare il comportamento del nostro cane quando è in atto una discussione in casa per renderci conto di quanto si senta coinvolto. Durante le liti domestiche, i cani possono agire in modo bizzarro, defecando sul letto, sulla tavola o sul lavello. Se fosse un bambino a comportarsi in questo modo, ci accorgeremmo subito dell’esistenza di un problema psicologico e grideremmo aiuto. Quando sono i cani a comportarsi così pensiamo immediatamente che si tratti di un problema di educazione.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: